La prima automobile a GUIDA AUTONOMA Made in Lombardia


Un progetto sviluppato da un consorzio di imprese e atenei, nell’ambito di Open Innovation della regione, potrebbe risolvere in futuro il problema del traffico?

La prima automobile a GUIDA AUTONOMA Made in Lombardia

# Semplificazione e sicurezza Made in Lombardia

È stata presentata a Monza, presso Villa Reale, TEINVEIN la prima auto intelligente che getta le basi per la realizzazione Made in Lombardia di un veicolo completamente autonomo.


L’auto utilizza alla base i sistemi ADAS (Advanced Driver Assistance System) che  possono monitorare in ogni istante le condizioni del guidatore, della strada (presenza di ostacoli o altri problemi) e possono facilitare la guida di soggetti affetti da disabilità.
Magari non risolveranno il problema del traffico, ma veicoli di questo tipo, in futuro, sono destinati a ridurre l’impatto ambientale, anche perché i sistemi ADAS spingono il conducente ad adottare uno stile di guida meno inquinante, aumentando la sicurezza delle persone sia all’interno che all’esterno del veicolo.
I sistemi ADAS sono in fatti in grado di monitorare lo stato psicofisico del pilota e dell’ambiente circostante, nonché comunicare da e verso le infrastrutture pubbliche e altri veicoli.

# Quali sono le frontiere

Le innovazioni derivanti da un progetto del genere, possono essere utilizzate in infiniti settori. Oltre al settore automotive, coinvolgono il biomedicale, studi industriali applicati alle particelle, settore ottico e della diagnostica per immagini.
Il consorzio di realizzazione del Progetto Teinvein, finanziato da Regione Lombardia per un investimento complessivo di quasi 14 milioni di Euro, è capitanato da ST Microelectronics, con il partnerariato di OPTEC SpA – Optical & Optoelectronic Systems, Cover Sistemi S.r.l., C.S. Milano S.r.l., Politecnico di Milano – POLIMI, Università degli Studi di Milano – Bicocca, Ro Technology S.r.l., Adecco Professional Solutions S.r.l.



# Le reazioni

QUARTIERE SOSPESO tra passato e futuro

L’Assessore a Ricerca e Innovazione di regione Lombardia, Fabrizio Sala si è detto contento dei sorprendenti risultati ottenuti dai bandi finanziati per la ricerca. Innanzitutto quest’auto, che rappresenta un traguardo di cui essere orgogliosi, che sprona a proseguire nella ricerca, le cui scoperte sono destinate a proiettare ricadute significative sia nel mercato attuale che in quelli di futura generazione.
Il Prof. Federico Cheli, docente di Dinamica e controllo al Polimi, ha invece dichiarato che «L’idea della partnership è nata dall’interazione tra dipartimenti. Abbiamo iniziato dapprima a progettare, poi simulare il veicolo al calcolatore e infine a montarlo e a sperimentarne la guida nel circuito dell’autodromo di Monza, ora stiamo andando avanti nello sviluppo di nuovo logiche. Quest’auto è pensata in particolare per i soggetti disabili che ne sfruttano i sistemi di guida autonoma e poi la teleguida può trovare diverse applicazioni come, ad esempio, i centri di controllo del car sharing al fine del recupero delle auto»


 Fonti: Motori Online, Regione Lombardia

Continua la lettura con: Le 10 auto che consumano meno

LAURA LIONTI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Leggi anche: Matteo Salvini e Giovanni Malagò, quella cena che profuma di Real Politik

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.