Il “triangolo d’oro”: la linea rapida degli aeroporti di Milano

Si potrebbe fare ancora meglio prendendo esempio da altre città nel mondo. In particolare come a Shanghai

1

L’aeroporto di Linate ha un collegamento rapido con il centro di Milano grazie alla linea blu M4: consente ai passeggeri di percorrere il tratto San Babila-Linate in poco meno di 15 minuti. Ma si potrebbe fare ancora meglio prendendo esempio da altre città nel mondo. In particolare come a Shanghai. 

Milano città stato è anche su Youtube: clicca qui per il canale con i video su Milano. Iscriviti: ti aspettiamo

Il “triangolo d’oro”: la linea rapida degli aeroporti di Milano

#1 Milano, la città in Europa con l’aeroporto meglio collegato con il centro

Linea M4
Linea M4

E’ stato questo lo slogan pronunciato dal Sindaco Sala, ad ogni incontro pubblico sulla linea metropolitana M4: “Non esiste nessun’altra metropoli in Europa che consenta di collegare il centro storico con l’aeroporto cittadino in così poco tempo, solo 15 minuti da San Babila a Linate“.

La verità è che si può velocizzare ulteriormente il servizio, ad esempio istituendo corse “express” alternate a quelle tradizionali che, arrivate alla fermata San Babila provenendo da San Cristoforo, salti tutte e 6 le fermate intermedie arrivando direttamente all’aeroporto: ridurre il tragitto a 10 minuti non sarebbe così impossibile e Milano potrebbe ritoccare il suo record.

#2 – Malpensa, un servizio poco Express

Fermate del Malpensa Express
Credits: https://www.milanomalpensa-airport.com- Fermate del Malpensa Express

Da Milano a Malpensa esisterebbe già un servizio express ferroviario che impiega però, salvo imprevisti, 45 minuti dalla stazione di Cadorna con 3 fermate intermedie o 58 minuti dalla stazione Centrale con 7 fermate intermedie.

I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare

Occorrerebbe quindi ripensare il servizio ferroviario, sulla falsa riga di quello che succede a Londra, eliminando le stazioni intermedie nella direttrice Cadorna-Malpensa e mantenendo esclusivamente la fermata Porta Garibaldi FS nella direttrice Centrale-Malpensa, dimezzando i tempi di percorrenza e creando quindi un vero collegamento metropolitano con l’aeroporto internazionale di Milano.

#3 – Orio al Serio: solo navette per Milano 

Treno per Orio al Serio sarà come il Malpensa Express
Credits: malpensa24.it – Treno per Orio al Serio sarà come il Malpensa Express

Il viaggiatore che predilige voli low-cost e scelga quindi l’aeroporto Caravaggio di Orio al Serio per raggiungere la sua meta ha una sola possibilità senza usare l’automobile: è costretto a prendere una navetta, un servizio di pullman privato che copre la distanza Milano-Aeroporto in più di 50 minuti.

Nel prossimo futuro è prevista la realizzazione del collegamento ferroviario tra Bergamo e il Caravaggio, permettendo chi arriva da Milano di proseguire dopo Bergamo direzione aeroporto, ma che se aprirà consentirà il viaggio in non meno di un’ora.

Osando si potrebbe creare un’infrastruttura dedicata, in parte sotterranea e/o anche in sopraelevata, che colleghi direttamente senza stop intermedi Milano con Orio al Serio, in modo tale da arrivare a destinazione in meno di mezz’ora.

L’area di Milano non può permettersi di avere i suoi due aeroporti internazionali, dove atterrano più di 30 milioni di passeggeri, a non meno di un’ora di viaggio con il trasporto pubblico, al netto di imprevisti più o meno gravi.

#4 – Il “triangolo d’oro”: la linea degli aeroporti

Transrapid di Shanghai
Credits: wikipedia.org – Transrapid di Shanghai

Sistemati i collegamenti veloci tra Milano e i suoi tre aeroporti sarebbe logico metterli in rete, con sistemi ad altissima velocità come il servizio Transrapid di Shanghai che unisce la città cinese al suo aeroporto in poco più di 7 minuti o il futuro Hyperloop basato sempre sulla tecnologia a lievitazione magnetica che impiegherebbe lo stesso tempo per raggiungere Milano da Torino.

Questa rete diventerebbe una sorta di “triangolo degli aeroporti milanesi”, che permetterebbe in tempi rapidissimi di passare da un aeroporto all’altro e da questi raggiungere rapidamente la città.

Continua la lettura con: La nuova ferrovia da Milano a Orio al Serio

FABIO MARCOMIN

Milano città stato è anche su Youtube: clicca qui per il canale con i video su Milano. Iscriviti: ti aspettiamo

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/

 


Articolo precedenteLa doppia terrazza spettacolo con vista Navigli
Articolo successivoLa località di mare più costosa d’Italia è sempre lei
Fabio Marcomin
Giornalista pubblicista. Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia. Il mio background: informatica, marketing e comunicazione. Curioso delle nuove tecnologie dalle criptovalute all'AI. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.

1 COMMENTO

  1. In attesa che in Italia si possa sognare (perché no?) come in Cina o in Giappone infrastrutture dai costi paurosi, nell’immediato:
    1) finiamo i pochi km del collegamento Orio-BG,
    2) si costruisca un people mover tra la stazione di Linate e una nuova fermata Redecesio (tra Segrate e Forlanini dove passano S5 e S6), oppure il prolungamento M4 alla fermata Segrate S5 S6.
    3) si istituisca una linea S dei tre aeroporti con fermate Orio-Bergamo FS-Redecesio Linate (o Segrate Linate)- Garibaldi- Malpensa T1+T2
    4) Si usino convogli con adeguate prestazioni per non impiegare magari più di un’ora tra Orio e Malpensa

    Tutto questo è proprio a portata di portafoglio oserei dire.

    Direttissima Linate – San Babila: il treno direttissimo dovrebbe poter superare un treno “normale”, e nessuna stazione ha più binari per consentirlo (sull’esempio della stazione Reggio Emilia dell’AV). Andrebbero realizzati per bypassare le stazioni. Altrimenti la frequenza dei treni dovrebbe essere tale (si ridurrebbe?) che un treno direttissimo non si trovi davanti nessun altro treno. Andrebbero fatti due calcoli….

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome