Droni TAXI e BUS volanti: è questa la Milano del FUTURO?

Ecco come ci si potrebbe spostare nei prossimi anni

Credits lemacchinevolanti - Auto volante

Blade Runner diventerà presto realtà? Ecco come ci si potrebbe spostare nei prossimi anni.

Droni taxi e bus volanti: è questa la Milano del FUTURO?

# La “Urban air mobility” rivoluzionerà il trasporto nelle città

Taxi volante

In futuro la “urban air mobility” potrebbe rivoluzionare il trasporto nelle città. Detta anche “mobilità verticale”, il nuovo modo di muoversi vedrà velivoli di diverse dimensioni decollare e atterrare su piattaforme installate in cima a palazzi e grattacieli. Si potranno compiere voli e spostamenti a corto raggio attraversando la città in un mondo a emissioni zero. Skygate sarà il primo polo aeronautico italiano, tra Collegno e l’Aeroporto di Torino, dove dovranno essere appositamente rinnovate delle infrastrutture per realizzare il nuovo campo di aviazione per la “Uam”.


# Il Politecnico di Torino e l’Enav al centro del progetto italiano

Credits studyinpiemonte – Politecnico di Torino 

Nel progetto sono coinvolti anche il Politecnico di Torino e l’Enav, la società che gestisce il traffico aereo civile in Italia, che dovrà coordinare i flussi aerei d’alta quota con quelli a bassa quota della mobilità aerea urbana. All’interno del simulatore virtuale dell’aeroporto di Torino verrà testato il prototipo di un Hub aeroportuale tradizionale integrato con il traffico della “Urban air mobility”. All’interno dello SkyGate Digital Twin i ricercatori del Dipartimento di Ingegneria aeronautica e spaziale del Politecnico di Torino simuleranno le meccaniche del volo e le prestazioni operative dei veicoli a decollo verticale. Infine con il Centro interdipartimentale Full verrà testato un modello dinamico in 3D, con l’obiettivo di analizzare le esigenze di spostamento all’interno di un’area urbana, e definire l’ideale posizionamento dei futuri “vertiporti”.

# Un giro d’affari mondiale di 70 miliardi di euro e oltre 35.000 mezzi volanti in circolazione

Credits techmobilty2030 – Auto volante

Secondo le stime nel 2035 dovrebbero esserci oltre 35.000 velivoli in circolazione nei cieli delle città del mondo oltre alle centinaia di migliaia di droni per il trasporto passeggeri e merci. Il giro d’affari complessivo è calcolato in circa 70 miliardi di euro. La “Urban air mobility”, grazie alle tecnologie digitali, Big data, Analytics e Artificial intelligence, avrà un impatto significativo sulla decongestione del traffico automobilistico nelle città e sull’inquinamento dell’aria rendendo obsoleti gli attuali divieti di circolazione.

Continua la lettura con: Arrivano i TAXI VOLANTI: da Malpensa a Milano Centrale in 15 minuti

FABIO MARCOMIN



Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteLe TRE migliori SPIAGGE d’ITALIA: la classifica di fine estate
Articolo successivoI torti della maggioranza
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.