I torti della maggioranza

La storia è costellata di maggioranze che hanno adottato comportamenti che con il tempo si sono rivelati sbagliati

Maggioranza bulgara in Austria

La storia è costellata di maggioranze che hanno adottato comportamenti che con il tempo si sono rivelati sbagliati.

Esempi noti vengono già dal passato.
La maggioranza democratica di Atene ha portato alla morte di Socrate.
In tempi più recenti ha dominato la teoria aristotelico-tolemaica del mondo al centro dell’universo che era considerata un dogma in quanto rispettava una lettura delle sacre scritture. Questa opinione della maggioranza ha portato al rogo di Giordano Bruno e l’abiura, e la successiva segregazione di Galileo Galilei.


Fascismo e nazismo sono arrivati al potere con libere elezioni. E non è un mistero che finché hanno mantenuto un potere effettivo hanno goduto del favore della grande maggioranza dei loro popoli.
Le stesse leggi razziali erano conseguenza di un pensiero dominante in buona parte d’Europa del primato di una razza sulle altre.

Lo stalinismo e i regimi comunisti ufficialmente erano avallati da ampie maggioranze di consenso. Si definisce ad esempio “bulgara” una maggioranza quasi unanime nei voti.

Quando la maggioranza si mette assieme all’idea giacobina che il fine giustifica ogni mezzo questo porta a effetti disastrosi sulla comunità.
Anche perché la caratteristica della maggioranza è spesso quella di assecondare l’idea e il potere dominante. E di trattare la minoranza con idee differenti in modo dispregiativo, adottando tecniche di bullismo sociale.



Invece in una democrazia sono proprio le minoranze il motore dell’evoluzione, a garantire il dibattito e la crescita civile e culturale della società.
Se la maggioranza si sente in diritto di imporre qualunque decisione sulla minoranza una società perde qualunque caratteristica democratica e assume l’aspetto tipico della dittatura.

Continua la lettura con: La supercazzola è il vero fine

MILANO CITTA’ STATO

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato.

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.