CAPSULE SEMOVENTI: la nuova frontiera del trasporto pubblico urbano?

Prodotto da un'azienda veneta entrerà in servizio questo autunno. Vediamo come funziona e dove si potrà provare

Credits autofutures - Capsule in movimento

Potrebbe essere una rivoluzione per il trasporto pubblico locale. Il progetto è stato sviluppato da un’azienda veneta ed entrerà in servizio questo autunno. Vediamo come funziona e dove si potrà provare.

CAPSULE SEMOVENTI: la nuova frontiera del trasporto pubblico urbano?

# La capsula modulare autonoma è un progetto di un’azienda veneta

Credits autofutures – Capsule in movimento

I trasporti del futuro si affideranno sempre di più alla guida autonoma. L’azienda padovana Next ha progettato delle navette di forma cubica che possono viaggiare senza guidatore singolarmente o in moduli collegati grazie ad un braccio meccanico e ad un sistema di allineamento automatizzato, come una specie di treno. In questo modo sarà possibile utilizzare solo i moduli necessari alle persone da trasportare. Un algoritmo di intelligenza artificiale gestirà processo di composizione e di scomposizione del convoglio di navette modulari tramite la raccolta in real time delle destinazioni richieste dagli utilizzatori, con le informazioni arrivate tramite un’app.


# Le caratteristiche delle navette cubiche

Credits startengine – Next

Ogni singola navetta può trasportare fino a 10 persone, 6 sedute e 4 in piedi, e viaggiare a una velocità massima di 70 km/h, in caso di composizione di più moduli fino a 90 km/h. Le dimensioni sono: 2,87 metri di lunghezza, 2,86 d’altezza e 2,25 di larghezza. Il materiale utilizzato è alluminio leggero e resistente, mentre la batteria ha una durata di una giornata intera di esercizio su percorso urbano. 

# Il debutto in Ottobre all’Expo di Dubai

Credits lookoupro – Expo Dubai

L’emiro di Dubai ha trovato affascinante il progetto e ha deciso di firmare un contratto con l’azienda veneta Next Future Transportation per sperimentare il primo utilizzo di queste navette. Il ministero dei trasporti locale ha dato il permesso per l’avvio del servizio delle navette modulari durante l’Expo 2020 che, causa pandemia, si terrà tra Ottobre 2021 e Marzo 2022. Nei prossimi anni potremmo vederli girare per le strade delle nostre città.

 



Fonte: Al Volante

Continua a leggere con: Il veicolo del FUTURO: il GIROSCOPIO

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.