AvLo: il primo TRENO LOWCOST ad ALTA VELOCITÀ

Il 24 marzo è partito il primo treno che permette di andare a 300 km all'ora ma a un prezzo super ridotto

Credit: @entro_banda

I treni ad alta velocità sono una grande invenzione dell’ultimo secolo: sono velocissimi, comodi, hanno tutti i confort e inquinano meno degli aerei.
A tutto questo c’è un ma: sono molto costosi.

La compagnia spagnola Renfe sembra aver voluto trovare una soluzione a questo “ma”, ed è così che il 24 marzo è partito Avlo: il primo treno super rapido low cost.


AvLo: il primo TRENO LOWCOST ad ALTA VELOCITÀ

# Il primo Avlo è partito

Credit: ferrovie.info

La compagnia spagnola Renfe ha nuovamente lanciato il treno low-cost Avlo, che doveva partire a Pasqua 2020 e che era stato rinviato a causa dell’emergenza sanitaria per la pandemia di COVID-19.

Alle 10.00 del 24 marzo 2021 il primo treno Avlo è partito dalla stazione di Puerta de Atocha, la stazione principale di Madrid, destinazione? Barcellona!

Per la prima volta il nome di Avlo era presente di fianco al numero di un gate e ad aspettare i passeggieri c’era un carrello per controllare le dimensioni del bagaglio.



Dopo la presentazione, alle 11.00 il treno di prova è partito al binario 4: i passeggieri a bordo erano 50 e i giornalisti sono stati invitati a provare personalmente il nuovo treno low cost che comincerà a circolare ufficialmente il 23 giugno.

Quello di oggi è uno dei cinque treni della serie 112 ristrutturati per avviare questo servizio commerciale che copre Madrid-Saragozza-Barcellona-Figueras.

L’alta velocità ferroviaria spagnola “a basso costo” partirà con quattro corse giornaliere tra Madrid e Barcellona, ​​espandibili in base alla domanda.

Come scrive la compagnia sul sito, si parte da un nuovo concetto di viaggio: “viaggiare con tutti i confort al prezzo migliore”. Ad accompagnare questa idea ci sono anche i nuovi colori: viola, azzurro e arancione all’esterno; bianco e arancio all’interno.

# Da Madrid a Barcellona con 7 euro

Credit: ferrovie.info

Ma quanto costa un viaggio diretto da Madrid a Barcellona? I prezzi dei treni a 300km/h partono da 7 euro e proprio per questi prezzi Avlo ha già venduto 200.000 biglietti che consentono di viaggiare tra le due città spagnole.

Il prezzo base include una valigia da cabina gratuita come in aereo e una borsetta.

La vendita dei biglietti è gestita attraverso un sistema dinamico e nuovo che offre in ogni momento il miglior prezzo disponibile per il viaggio che si sta cercando.

Sul prezzo base, il cliente può aggiungere servizi aggiuntivi come selezione del posto, modifiche o cancellazioni e bagaglio aggiuntivo.

I bambini viaggeranno per 5 euro e sono previsti sconti anche per famiglie numerose.

# I servizi all’interno di Avlo

Credit: mobilita.org

I treni Avlo offrono distributori automatici in diversi punti del treno e continueranno a offrire la connessione Wi-Fi a bordo e la piattaforma di contenuti Play Renfe.

I sedili con tappi e i nuovi rivestimenti in colori chiari si differenziano da tutti gli altri treni di Renfe, che possiede già altri 4 tipi di treni ad alta velocità.

Per il nuovo servizio Avlo, l’intero treno è stato unificato in classe economica, guadagnando così il 20% di capacità, fino a 438 posti.

Che sia arrivato il momento di creare un treno ad altà velocità lowcost anche in Italia?

Continua la lettura con: Il VIAGGIO in TRENO più LUNGO partendo DA MILANO

ARIANNA BOTTINI

copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte 

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 


1 COMMENTO

  1. A parte che la stazione di Madrid si chiama Atocha e non Atoche, ma “paseeggieri” con la i… roba che neanche in quinta elementare la sbagliano.

Comments are closed.