A Berlino si pensa di dare 1100 EURO a chi NON HA L’AUTO come INCENTIVO per RESTARE SENZA. Che ne pensate?

L'obbiettivo è far scegliere ai cittadini il trasporto pubblico, la bici, il car sharing o altre opzioni simili. Una proposta da portare anche per Milano?

Credits @im_an10 IG - Berlino

Un’associazione ambientalista di Berlino, dal suggestivo nome di Changing Cities, insieme all’Istituto per la Mobilità Urbana della stessa città, ha proposto di destinare un incentivo a chi non voglia utilizzare la propria auto, per scegliere invece il trasporto pubblico, la bici, il car sharing o altre opzioni simili. Vediamo la proposta.

A Berlino si pensa di dare 1100 EURO a chi NON HA L’AUTO come INCENTIVO per RESTARE SENZA. Che ne pensate?

# Cosa è stato proposto, in dettaglio

Credits juggernaut1 IG – Auto Berlino

La proposta avanzata contempla di erogare un incentivo annuale, pari a 1100 euro (cifra analoga al costo di un abbonamento annuale ai trasporti pubblici nella capitale tedesca) per coloro i quali decidano di rinunciare all’auto. La cosa assume importanza, anche alla luce di un’altra proposta di iniziativa popolare, che vorrebbe l’area berlinese del Ring senza auto entro il 2027; si tratta di qualcosa di ancora più radicale rispetto, ad esempio, alle “congestion charge” londinesi.


Secondo le stime di alcuni esperti, circa la metà dei proprietari dei veicoli che circolano a Berlino (poco meno di un milione e 300mila) potrebbero farne a meno; l’incentivo dovrebbe aiutarli a prendere una decisione in proposito. Va comunque detto che, nel corso degli ultimi 20 anni, il costo del trasporto pubblico è lievitato dell’80%, contro il +36% dei prezzi collegati agli autoveicoli.

Non solo: per ora, la proposta, per come è stata concepita e presentata, si è attirata delle critiche, nonostante sia abbastanza flessibile da coprire le varie opzioni di trasporto sostenibile. L’idea, lodevole, di togliere almeno 60mila auto dalle strade della capitale, si sta scontrando con l’effettiva fattibilità della cosa, in quanto un incentivo, dato (per come la proposta è formulata al momento) a tutti i proprietari di veicoli, senza ulteriori approfondimenti e distinzioni, rischia di essere poco efficace ed incisiva, specialmente in un momento di minore disponibilità di fondi a livello cittadino.

# E allora?

Probabilmente, un dialogo più incisivo e capillare con tutti i portatori di interesse potrebbe eliminare i problemi e migliorare la fattibilità dell’iniziativa, integrandola meglio con il territorio e le sue esigenze.



La partita è ancora aperta e certamente vedrà molti cambiamenti prima di concludersi.

Fonte: Il Mitte

Continua a leggere con: Un anno di MEZZI di TRASPORTO pubblico GRATIS? Questi sono i RISULTATI

ANTONIO ENRICO BUONOCORE

copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte 

Leggi anche: Gli scenari immobiliari post-Covid? I numeri pazzi di crisi e investimenti a Milano, Roma, Venezia e Firenze

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.