Frontalieri al contrario: perché gli SVIZZERI VENGONO IN ITALIA?

Lo scambio di merce sul confine del ponte di Tresa. Una scena da ponte delle spie della guerra fredda. Ecco com'è andata

Credits: www.tio.ch

Fare la spesa è una delle attività che caratterizza e definisce il nostro stile di vita. Cosa compriamo, dove compriamo, come compriamo, quanto compriamo…

Pur essendo ben presente ed evidente da parecchio tempo, solo recentemente una delle categorie di compratori è salita agli onori della stampa: gli svizzeri frontalieri dei supermercati italiani.


Frontalieri al contrario: perché gli SVIZZERI VENGONO IN ITALIA?

# Sabato sera un gruppo di svizzeri ritirava un sacchetto con piatti pronti senza però superare il confine con l’Italia

Credits: www.tio.ch

A molti svizzeri piace fare la spesa in Italia. Ma cosa è successo per guadagnare la prima pagina dei media?

Il passaggio della Lombardia in zona gialla ha comportato un alleggerimento delle restrizioni di movimento.

E così, la sera di sabato all’ora di cena è stata immortalata, con tanto di foto, una scena degna del film Amici miei, o di altro con pari gustosa comicità. A metà del ponte sulla Tresa, dove si riconosce perfettamente la fine del territorio svizzero con l’asfalto perfetto e l’inizio di quello italiano con gobbe e buche, un gruppo di svizzeri, immagino tutti bravi e volenterosi padri di famiglia, ritiravano un sacchetto con piatti pronti, consegnando nel contempo il dovuto in euro e allungando solamente la mano al di là del confine.



# Un inusuale passaggio di merce che lascia tutti sorpresi

Credits: primacomo.it

Tutto questo sotto gli occhi dei Finanzieri italiani da una parte e delle Guardie di Confine svizzere dall’altra, che non sono in alcun modo intervenute. Saranno certamente rimaste sorprese da questo inusuale e innovativo passaggio di merce.

Questo sabato non sarà certamente dimenticato per la sua nota fantasiosa. Per la merce ritirata chiaramente per uso personale e di piccola entità, senza alcun passaggio di persone oltre confine.

# Quali sono i motivi per i quali gli svizzeri fanno la spesa in Italia? Ecco degli esempi

Credits: www.tio.ch

E qui si ritorna alla domanda: perché gli svizzeri vengono in Italia a fare la spesa? I motivi per cui gli svizzeri amano venire in Italia sono tanti. Eccone alcuni:

  1. Lo stesso esatto prodotto che in Italia costa 1€, in Svizzera, anche a distanza di pochi metri, costa 3 franchi o anche 10. Basti pensare alle riviste mensili in edicola, sulle quali non grava né IVA né dazi e che, passando il confine, perdono gli allegati in omaggio, venduti a prezzi esorbitanti.
  2. Una gita in Italia è sempre bella. C’è tanta gente in giro, anche la domenica, tanto movimento e atmosfera.
  3. Dopo aver fatto la spesa, si può passare anche in pasticceria per una gustosa colazione o al bar per un ricco aperitivo o, perché no, al ristorante. Il tutto, sempre, a prezzi italiani.
  4. I grossi centri commerciali in zona Varese o Como sono una bella attrattiva.

E poi perché, diciamolo, l’erba del vicino è sempre più verde.

Fonte: www.tio.ch

Continua la lettura con: Fuggire in SVIZZERA? A soli 80 KM dal CONFINE c’è un PAESE che ti PAGA per andarci a VIVERE

GIUSEPPE MARZAGALLI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.