Firma la lettera d’intenti per supportare il referendum

    Parte il percorso verso il referendum: scrivi il tuo nome nella storia di Milano

    La tua firma nella storia di Milano

    L’art.132 della Costituzione Italiana consente ad un territorio, popolato da almeno 1 milione di abitanti, di richiedere un referendum per diventare regione, nel caso di specie per creare Milano Città Regione.

    La lettera d’intenti, primo passo del percorso referendario, è il documento che definisce gli obblighi reciproci tra tutti coloro che decidano di esserne parte attiva. Segue il testo integrale:

    LETTERA DI INTENTI

    * * *

    Con il presente documento, tra:

    VIVAIO, associazione non riconosciuta, con sede in via Fratelli Ruffini 10, 20123 Milano, C.F. 10997360960, in persona del Presidente pro-tempore Dr. Andrea Zoppolato, munito dei necessari poteri di legge e di statuto (di seguito “Vivaio”),

    da una parte

    e
    i sottoscrittori,

    dall’altra parte

    * * *

    Congiuntamente le “Parti” e disgiuntamente la “Parte”.

    * * *

    Premesso che:

    a) Vivaio è un’associazione non riconosciuta, senza finalità di lucro, costituita in data 7 ottobre.2019, con atto a ministero Notaio Andrea Conte;
    b) Vivaio ha quale preminente scopo quello “di fare nascere e crescere iniziative a grande impatto sociale sul territorio cittadino e nazionale” e, per quanto qui particolarmente rileva, nell’interesse della città di Milano.
    c) Vivaio, per il raggiungimento del proprio scopo, ritiene opportuno definire un accordo comune per fare acquisire a Milano il massimo livello di autonomia e di risorse consentiti dalla Costituzione, per trasformarla in un laboratorio di sperimentazione di modalità più efficienti di gestione di una comunità, da estendere in caso di successo ad altri territori;
    d) il singolo sottoscrittore – che accetta – intende partecipare e contribuire alla realizzazione dello scopo di Vivaio di cui al superiore punto b), nella modalità di cui al precedente punto c);
    e) le Parti pertanto intendono indicare, con finalità programmatica e vincolante, le modalità operative per soddisfare lo scopo di cui al predetto punto b), come di seguito viene indicato.

    * * *

    Tutto ciò premesso,

    le Parti convengono e sottoscrivono quanto segue.

    * * *

    1) Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente documento.
    2) Le Partì attribuiscono al presente documento carattere programmatico e vincolante di quanto in esso previsto ed indicato, finalizzato a formalizzare gli intendimenti ivi riportati, mantenendo la massima riservatezza in ordine al contenuto.
    3) Segnatamente, le Parti:
    -] concordano che, per raggiungere lo scopo e le modalità di cui ai punti b) e c) delle premesse, l’azione fondamentale da compiere è l’indire un referendum, da parte dei soggetti legittimati, che faccia emergere la chiara volontà della comunità milanese ad avviare l’iter che porti Milano ad avere i massimi poteri garantiti dalla Costituzione (art. 132, titolo V e ss. Cost.);
    -] si impegnano a promuovere o a far promuovere il processo referendario con ogni mezzo lecito a loro disposizione;
    -] ad avviare un “tavolo di lavoro” per l’elaborazione di un disegno di legge condiviso, da presentare al Parlamento, quale espressione della volontà della comunità dei milanesi, a conclusione del processo referendario.
    -] a individuare quale promotore e capofila dell’iniziativa avanzata dal presente documento l’associazione VIVAIO, in quanto associazione garante dell’imparzialità del percorso da intraprendere, nonché soggetto ponte tra i diversi partiti, le forze politiche, gli stakeholders del territorio e i cittadini che saranno coinvolti;
    -] concordano che l’adesione alla presente lettera d’intenti è aperta a tutti i cittadini e alle forze politiche e forze sociali legittimate a operare sul territorio, senza possibilità di veto tra i sottoscrittori;
    -] condividono di puntare a fare ottenere il massimo a Milano in termini di autonomia e risorse come normato dalla Costituzione Italiana, mirando anche a ridurre o eliminare situazioni di complessità o di sovrapposizione di poteri amministrativi sullo stesso territorio (ossia cercando di non avere organi di mediazione tra l’autorità territoriale e quella dello Stato);
    -] acconsentono a che i propri dati personali (ovvero la denominazione della persona giuridica ed il/i nominativo/i della/e persona/e fisica/he) inseriti nell’elenco denominato “parti interessate”, potranno essere resi pubblici dall’associazione Vivaio (ad esempio mediante comunicazione digitale, conferenze stampa, eventi), sempre nel rispetto della normativa privacy vigente (Regolamento UE n. 2016/679, D.Lgs. n. 196/2003, come modificato dal Dlgs. n. 101/2018).

    Milano, lì 9 ottobre 2019

    VIVAIO

    ____________________

    I sottoscrittori (indicare se in rappresentanza di qualche ente)

    Se vuoi firmare anche tu la lettera d’intenti clicca qui.
    Se invece hai piacere a fare parte del Grande Sogno di Milano, “la prima città che cambia un paese”, su questo link trovi tutte le altre modalità di partecipazione: https://www.associazionevivaio.com/il-grande-sogno-di-milano/

    Cena di gala? Referendum? Adesione all'associazione? Scuola di psicologia politica? Clicca per partecipare al grande sogno di Milano
    Cena di gala? Referendum? Adesione all’associazione? Scuola di psicologia politica? Clicca per partecipare al grande sogno di Milano

    MILANO CITTA’ STATO

    Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

    Leggi anche:
    10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
    * E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
    Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
    Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
    Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
    “Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città StatoVUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
    SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
    SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

    Stampato Milano Città Stato

    eBook Milano Città Stato