Il COLOSSEO era UNA delle PORTE dell’INFERNO

Se ti dicessero che a Roma c’è una delle porte d’ingresso dell’Inferno ci andresti a vederla?

Credits: @quiriters IG

Quando si parla di Inferno ci viene in automatico in mente l’Inferno di Dante, tanti gironi dove le anime dannate sono obbligate a rivivere i loro peccati per l’eternità. Sicuramente non è lo stesso Inferno, o dimora dei dannati, degli antichi romani, ma rimane il fatto che a questo mondo ultraterreno si associa paura, morte e disperazione.

 E se ti dicessero che a Roma c’è una delle porte d’ingresso dell’Inferno ci andresti a vederla? Probabilmente chiunque sia stato nella città eterna l’ha già fatto, perché si credeva che l’entrata al mondo della disperazione fosse proprio nel Colosseo.


Il COLOSSEO era UNA delle PORTE dell’INFERNO

# Simbolo per eccellenza del paganesimo

Credits: @marco.di.girolami
Colosseo

Fino al Cinquecento si credeva che il Colosseo fosse il simbolo per eccellenza del paganesimo. Un anfiteatro che è stato per secoli scenario di giochi cruenti e che ha visto la morte di milioni di persone. Quando per diletto dei romani l’Anfiteatro Flavio divenne luogo delle uccisioni di molti cristiani ecco che a questo rimase l’epiteto di simbolo del paganesimo. In realtà, più avanti, si scoprì che probabilmente nel Colosseo non avvennero le persecuzioni cristiane. Anche in seguito, nonostante l’abolizione dei giochi e gli imperatori cristiani che si susseguirono, il Colosseo rimaneva simbolo della potenza dell’antica Roma, d’altronde si diceva che: “Sin quando il Colosseo resterà in piedi, lo sarà pure Roma. Quando il Colosseo crollerà, crollerà anche Roma”.

# “Colis eum?”: adori lui? (il diavolo)

Credits: romeandart.eu
Porta dell’Inferno

Al Colosseo fu sempre associato il sovrannaturale, ognuno ci vedeva qualcosa di diverso ma rimaneva il fatto che l’anfiteatro avesse qualcosa di strano e non legato al nostro mondo. La leggenda forse più inquietante è quella del Tempio di Belzebù, il demone che abitava nell’Anfiteatro Flavio. Si dice che il nome Colosseo derivi proprio da questa storia: gli adepti di Belzebù chiedevano ai neofiti durante la cerimonia di iniziazione “Colis eum?”, ovvero “adori lui (il diavolo)?”.

In generale gli storici ci vedevano l’espressione della grandezza di Roma, i cristiani peccato e malvagità, per altri era un posto da evitare perché qui maghi e streghe praticavano la loro arte. Nel Medioevo, poi, le leggende che vedevano il Colosseo erano infinite e poche positive. Insomma, gli hanno sempre riconosciuto l’importanza e la potenza che incarna, ma l’Anfiteatro non ha sempre avuto una bella reputazione. Addirittura si diceva che fosse una delle porte dell’Inferno.



# Porta Libitidinaria: la porta dell’Inferno del Colosseo

Credits: classeapertasulmondo.wordpress.com
porta dell’inferno di Dante

Si chiama Porta Libitidinaria, quella che in parte si potrebbe identificare come una delle 7 porte dell’Inferno che si erano individuate nel Medioevo. In realtà in generale si credeva che il Colosseo fosse una porta per l’Inferno e che durante la notte le anime dei gladiatori morti nell’arena vagassero per i sotterranei. Facendo però una precisazione su Porta Libitidinaria, questa era attraversata dagli schiavi che portavano fuori dall’arena i gladiatori uccisi; considerando che gli schiavi indossavano la maschera di Caronte e che da lì passavano sempre più morti che vivi, un po’ di verità c’è.

Continua la lettura con: Ammirare il COLOSSEO come un antico GLADIATORE: il nuovo progetto

BEATRICE BARAZZETTI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.