Genius Loci, “dove abita il genio”: a Roma il festival diffuso della SCIENZA

Dove abita il Genio? A Roma. Almeno fino a fine maggio

Credits: https://www.domusweb.it/

Visite guidate, mostre, esplorazioni urbane, spettacoli teatrali e workshop, è il festival diffuso Genius Loci, Dove abita il genio arrivato alla sua quarta edizione nella capitale e aperto fino al 30 Maggio.

Genius Loci, “dove abita il genio”: a Roma il festival diffuso della SCIENZA


Dove abita il genio? A Roma, con Genius Loci, la festa della scienza

Roma, universalmente nota come città dell’arte e della storia, con questo festival si scopre anche Capitale della ricerca e della produzione scientifica italiana. Genius Loci, nasce con l’intento di accompagnare il cittadino alla scoperta degli spazi della produzione e della ricerca scientifica dove incontrare i suoi protagonisti per raccontare dove abita il genio. Tutti gli eventi del Festival sono ad accesso gratuito, alcuni con prenotazione.

#  “Mio nonno non buttava via niente COVID-19 EDISCION”

Iniziato l’11 maggio ha già visto la realizzazione di molti eventi fra cui una serie di workoshop su come raccontare la Scienza con metodo scientifico nel mondo virtuale e una visita all’Istituto di Ingegneria del Mare. Con “Mio nonno non buttava via niente COVID-19 EDISCION” invece, una performance teatrale ha raccontato l’economia circolare facendola diventare pop, irriverente, poetica e anche “fascinosamente coatta” e con il programma Naturalisti in erba i bambini hanno potuto fare una Passeggiata Storico Naturalistica al Parco dell’Insugherata.

# Il programma

In programma per il 21 maggio è prevista  una visita ai laboratori di trasformazione dei cereali del CREA, Centro di Ricerca ingegneria e trasformazioni agroalimentari. La visita ai laboratori, che si affacciano sulla suggestiva cornice naturale del Parco dell’Inviolatella Borghese, permetterà di scoprire un volto nuovo e inedito di Roma e di entrare in contatto con le molte energie che animano il suo spirito scientifico.



L’orologio a Villa Borghese

Sabato 22 un tour si snoderà tra due importanti luoghi del sapere: L’Accademia dell’Arcadia e dei Lincei. L’Accademia dei Lincei fondata nel 1600 dal naturalista Federico Cesi, fu considerata la prima accademia scientifica moderna, con lo scopo di diffondere la conoscenza tra tutti gli uomini. Insediata nella cinquecentesca Villa Farnesina presso Via della Lungara, lungo asse viario voluto da papa Giulio II, annoverava tra i suoi soci grandi nomi di scienziati e scienziate.  L’Accademia dell’Arcadia fu invece fondata nel 1660 da quattordici letterati appartenenti al circolo della regina Cristina di Svezia, prevalentemente di interesse letterario, i suoi iscritti sceglievano un nuovo nome per diventare membri

Con PIANETA TERA – La fine der monno il 23 maggio si svolgerà uno spillover su ambiente e pandemia, uno spettacolo che racconta la fine del pianeta “tera” in romanesco. Un testo teatrale inedito, una riflessione coatta su come riuscire a distinguere gli scienziati dai falsi profeti.

Nella giornata del 25 Maggio, presso il Museo Storico della Fisica e Centro Ricerche “Enrico Fermi”, si svolgerà una campagna di misure dedicata alla fisica dei raggi cosmici. Sono in programma anche Visite on line all’Istituto Superiore di Sanità e al CNR, all’orto botanico di Tor vergata, al quartiere Eur, alla sede di ReiThera, il Centro Ricerche che sta sviluppando il vaccino contro il Covid19 in consorzio con Leukocare di Monaco e Univercells di Bruxelles.

# Il trekking urbano

Isola Tiberina

Un Trekking urbano Terrae-motus sabato 29, una passeggiata nel centro di Roma per ripercorrere la storia della Capitale attraverso i suoi terremoti, da quello del 443 d.C. che fece crollare la navata centrale della Basilica di San Paolo o quello dell’847 d.C. che buttò giù l’obelisco di Montecitorio e un tour all’isola del serpente chiuderà il Festival andando Alla scoperta di uno dei luoghi più affascinanti di Roma, l’Isola Tiberina, lembo di terra in mezzo al fiume che dal III secolo a.C. è consacrato alla medicina, infatti per la sua natura di isola questa caratteristica parte della città è stata, fin da tempi antichissimi, deputata alla quarantena e alla cura degli infermi.

# La fotografia della Scienza

Infine è interessante notare come ogni edizione di Genius Loci ospita un progetto fotografico declinato sul rapporto tra Roma e la scienza. Per l’edizione 2021 i fotografi di Roma Fotografia ci raccontano come si sono trasformati e come sono stati vissuti i luoghi della città, pubblici e privati, in questo anno caratterizzato dalla pandemia.

Un racconto per immagini di come reinventare gli spazi della socialità e dello stare insieme visto che La pandemia sta cambiando le città, ma, se guardiamo alla storia, non dovremmo stupirci più di tanto: molti dei modi in cui viviamo e abitiamo il mondo li dobbiamo a invenzioni elaborate proprio per far fronte alle epidemie. 

Continua la lettura con: La piccola Roma d’Africa

FRANCESCA SPINOLA

Leggi anche: Roma alla Calenda greca

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo#Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest#Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila#KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico#BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteI 5 CASTELLI più MISTERIOSI del Trentino
Articolo successivoLe MONTAGNE dal VOLTO UMANO (c’è anche Trump)
Francesca Spinola
Francesca Spinola. Giornalista, mamma di due teenagers, collaboro con Turner Television come Compliance Video Editor. Una tesi di laurea in Senegal, un’avventura da corrispondente estero dalla Libia, tanti anni da freelance con servizi dall’Africa, dal Brasile, dalla Turchia. Specializzanda in arabo e islamistica presso il PISAI. Una passione per i viaggi, romana di nascita, cittadina del mondo.