A Roma tira vento di RIVOLUZIONE TIBURTINA

Potrà trasformare lo Skyline di Roma, come la Défense di Parigi o City Life a Milano

Dalla Nuova Stazione Tiburtina, all’abbattimento della Tangenziale Est, passando per la costruzione di torri, aree verdi, zone pedonali e snodi ferroviari, un’ampia area di Roma Est sta rinascendo come una fenice dalle ceneri.

A Roma tira vento di RIVOLUZIONE TIBURTINA

A Roma la chiamano la Rivoluzione Tiburtina. Si tratta di un progressivo processo di riqualificazione urbanistica che, partito ormai diversi anni fa con la realizzazione della Nuova Stazione Tiburtina e proseguito con l’abbattimento di un tratto sopraelevato di Tangenziale Est, sta lentamente prendendo la forma di un vero e proprio rinnovamento urbanistico. Da qui alla nascita di un quartiere fatto di torri, aree verdi, snodi ferroviari e passaggi pedonali il passo è breve.


# Come la Defense a Parigi e CityLife a Milano

Gli entusiasti dell’architettura e del design già lo paragonano al futuristico quartiere della Défense di Parigi o all’innovativo City Life milanese. Al momento la zona della Stazione Tiburtina, una delle più importanti porte d’accesso alla città, è un’area dove sono stati fatti i maggiori investimenti immobiliari degli ultimi anni, basti pensare alla nuova stazione ferroviaria, alla sede nazionale della BNL, al complesso di appartamenti uffici e negozi Città del Sole, alla futura sede di FS, solo per citarne alcuni. Ora sta per aggiungersi a tutto questo un nuovo quartiere che sorgerà lungo un asse lineare di circa un chilometro, fra la Stazione Tiburtina e Ponte Lanciani, e in molti già sognano il nuovo skyline di Roma Est.

# 13 Torri per un nuovo quartiere “lineare”



Ad oggi la buona notizia è che prosegue la riqualificazione dell’area attorno alla Stazione Tiburtina dopo l’abbattimento storico della Tangenziale Est. Il Tar del Lazio ha infatti respinto la richiesta di sospensione del progetto di riqualificazione del piazzale Ovest e secondo indiscrezioni pubblicate in anteprima dall’Agenzia di Stampa Dire su un riservatissimo studio elaborato da Abdr per FS, è al vaglio la prima proposta di variante urbanistica dell’area.

Dal progetto emerge che tra la stazione Tiburtina e Pietralata nascerà un nuovo quartiere super moderno, dotato di Tredici torri di altezza variabile, che non supereranno comunque i 90 metri, e “stecche” più basse e lunghe, ricoperte di cristallo. Un nuovo quartiere direzionale lineare, con al centro il nuovo quartier generale di Fs, schiacciato tra il fascio dei binari e un grande parco, con un asse pedonale tra le due file di modernissimi edifici. Ed infine la nuova stazione dei pullman regionali e internazionali. La proposta di Fs e Abdr, va così a completare il piano di assetto della stazione Tiburtina del 2000.

# Una proposta che fa gola agli Archistar

Secondo il progetto di Abdr il nuovo quartiere sarà lungo più di un chilometro e coprirà l’area da Pietralata a Ponte Lanciani. Nell’area sono già stati avviati i lavori di realizzazione di una Casa dello Studente dell’Università La Sapienza e a breve partirà il cantiere per i lavori della nuova sede dell’Istat mentre già si parla di costruire ulteriori edifici dell’università. Quella presentata da Fs con lo studio Abdr è però ancora una proposta urbanistica, con un concept architettonico che probabilmente già fa gola a tanti archistar, quelli che certamente non vorranno perdere l’occasione di contribuire alla creazione del nuovo volto di un pezzo importante di Roma Est.

FRANCESCA SPINOLA

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su [email protected] (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo#Madrid#Berlino#Ginevra#Basilea#SanPietroburgo#Bruxelles #Budapest#Amsterdam#Praga#Londra#Mosca#Vienna#Tokyo#Seoul#Manila #KualaLumpur#Washington#NuovaDelhi#HongKong #CittàDelMessico#BuenosAires#Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.

 

Articolo precedenteAlle porte di Milano un PICCOLO PAESE ha un GRANDE SOGNO
Articolo successivoPerché PARMA è la CAPITALE EUROPEA dell’alimentare
Francesca Spinola
Francesca Spinola. Giornalista, mamma di due teenagers, collaboro con la  Turner Television come Compliance Video Editor. Una tesi di laurea in Senegal, un’avventura da corrispondente estero dalla Libia, tanti anni da freelance con servizi dall’Africa, dal Brasile, dalla Turchia, pubblicati su diverse testate, dal Time Magazine a Vanity Fair, dall’Espresso a Repubblica, al Tempo e via così. Una passione per i viaggi, romana di nascita, cittadina del mondo, milanese d’adozione. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here