VOLANDIA: un volo nella storia dell’aeronautica a un’ora da Milano

A circa un'ora da Milano potete visitare il Parco e Museo del Volo di Volandia

Credits: it.wikipedia.org

Nel 2010, a circa un’ora di auto da Milano in direzione Malpensa, è stato inaugurato il Museo del Volo dove, esattamente 100 anni prima, sorgevano le officine aeronautiche Caproni.

VOLANDIA: un volo nella storia dell’aeronautica a un’ora da Milano

# Un luogo per onorare la storia dell’aeronautica delle industrie lombarde

Credits: @volandiamuseodelvolo IG

L’idea è nata nel 2006 con l’intento di onorare e raccontare la storia dell’aeronautica delle più importanti industrie lombarde come, appunto, Caproni, Siai Marchetti, Aermacchi e Augusta.


In collaborazione con i comuni limitrofi, si avviò questo ambizioso progetto che, inizialmente, non aveva tutti i fondi necessari. Ma grazie ad un business plan e al lavoro di ben 200 volontari, si arrivò alla sua apertura.

# Volandia non ha mai ricevuto finanziamenti statali, ma ora è un polo di interesse internazionale

Credits: @hangaritaly IG

In principio era possibile ammirare una trentina di velivoli ed un migliaio di modellini. Poi, nel 2012, venne aperta una nuova area espositiva dedicata all’aviazione civile, a cui si aggiunsero esemplari del calibro del bimotore americano Douglas Dc 3.

Ma non è finita qui. Nel 2018 ampliarono con la collezione Bertone che consisteva in un patrimonio di 76 vetture come Lamborghini, Lancia e la storica Alfa Romeo.



Il coronamento, che ha reso il museo un polo di interesse internazionale fra i più grandi d’Europa, è avvenuto nel 2019. Infatti, è in occasione del cinquantesimo anniversario dell’allunaggio che Volandia ha presentato il nuovo padiglione dell’astronomia insieme al celebre astronauta Paolo Nespoli.

Ciò che balza all’occhio è scoprire che il progetto non ha mai goduto di finanziamenti statali, ma è cresciuto grazie al sostegno del territorio, dei collezionisti, dei volontari e di chi ci ha creduto fortemente.

# Passeggiare nella storia, provare simulatori di volo… Ecco perché andare a Volandia è un’esperienza imperdibile

Credits: @vale_pesca91 IG

Vi consiglio vivamente di andarci, magari in una giornata di sole poiché l’area si aggira sui 250 mila metri quadri, di cui solo 60 mila al coperto.

Passeggerete nella storia immaginando le mirabolanti imprese dei primi aviatori. Saprete dei voli pioneristici arrivando fino al “convertiplano” che esprime la perfetta fusione fra volo orizzontale e verticale. Potrete provare i simulatori di volo. Insomma, vi divertirete.

Non è obbligatorio andarci solo se in compagnia dei bambini. Portate voi stessi e regalatevi un momento di stupore.

 

Continua la lettura con: Il PRIMO LUNA PARK milanese

PAOLA MERZAGHI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteGli STEREOTIPI sulle UNIVERSITÁ MILANESI
Articolo successivoAlle porte di Milano un PICCOLO PAESE ha un GRANDE SOGNO
52 anni, sopra tutto madre, soprattutto coraggiosa sognatrice. Amo scrivere da sempre, ma la tradizione di famiglia mi ha portata ad appartenere alla quinta generazione di orafi, presenti a Milano dal 1870. Di me preferisco pensare di non essere in dirittura d'arrivo ma solo al giro di boa della mia esistenza consapevole che le bracciate per tornare a riva non saranno mai uguali a quelle dell'andata. Le esperienze e le consapevolezze rendono magico ogni metro guadagnato, il profumo del mare, i tramonti e tutte le albe che la vita mi riserverà ancora.