RESTYLING di CORSO SEMPIONE: le ultime novità sul PROGETTO

L'attesa infinita per l'inizio dei lavori di un progetto approvato nel 2015

Credits Andrea Cherchi - Corso Sempione dall'alto

Dopo numerosi intoppi, dovuti principalmente alle aziende assegnatarie dell’appalto risultate inadempienti, Corso Sempione si appresta nei prossimi mesi a vedere la partenza dei lavori per la sua riqualificazione. Ecco come diventerà.

RESTYLING di CORSO SEMPIONE: le ultime novità sul PROGETTO

# L’attesa infinita per l’inizio dei lavori di un progetto approvato nel 2015

Credits ingenioweb – Riqualificazione Corso Sempione

Una vera e propria odissea quella della riqualificazione di Corso Sempione. L’iter per l’approvazione del piano risale addirittura al 2015, quando fu approvato il progetto per un importo stimato di 4 milioni di euro finanziati dai fondi europei PON metro. Dopo la formalizzazione dell’incarico a MM a fine 2017 e l’approvazione del progetto definitivo nel 2019, il primo intoppo è arrivato nel 2020. In quell’anno, a seguito della approvazione del progetto esecutivo e del bando di gara, i lavori erano stati affidati ad un’azienda risultata poi inadempiente.


Credits comune di Milano – Sezione tipo Corso Sempione

Nel 2021 anche la seconda azienda in graduatoria non è risultata idonea e il Comune di Milano ha dovuto procedere con l’indizione di una nuova gara, conclusa all’inizio dell’anno. I cantieri, salvo ulteriori ritardi, dovrebbero partire nei prossimi mesi e terminare entro l’estate del 2023.

# Come dovrebbero trasformarsi gli Champs Elysee di Milano

Credits Urbanfile – Rendering pista ciclabile su Corso Sempione riqualificato

Il progetto di riqualificazione di corso Sempione prevede lo sviluppo del verde e corsie dedicate alla ciclabilità e ai pedoni, più sicurezza agli incroci, eliminazione del degrado e della sosta selvaggia ma anche più spazi regolari per i residenti. L’intervento comprende l’area che va dall’incrocio via Melzi d’Eril/Canova fino all’incrocio tra via Emanuele Filiberto/via Biondi.

Nel dettaglio il corso avrà:



  • due parterre verdi alberati con all’interno una corsia da due metri di larghezza per ciascuno riservata alle biciclette e ai pedoni;
  • due corsie per senso di marcia per i veicoli
  • aumento della sosta regolamentata destinata soprattutto ai residenti, con riequilibrio degli spazi, con i posti auto della zona che passeranno da circa 700 a 966 posti. Verranno eliminati tutti i posti irregolari nei parterre e la corsia veicolare verrà trasformata in parcheggio su strada.
  • saranno rifatti tutti i marciapiedi, allargati e ridisegnati;
  • saranno chiusi i passaggi che interrompevano le aiuole all’altezza delle vie Riva Villasanta, Filelfo e Agudio, Savonarola, Castelvetro e Alberti.

Leggi anche: Il BICIPLAN METROPOLITANO: il progetto di 750km di ciclabili tra Milano e hinterland

Continua la lettura: La “Green Road dell’Acqua” eletta “PISTA CICLABILE più BELLA D’ITALIA”

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/