Nuovo MURALE capolavoro a MILANO

"Non ci basta mai". É così che gli Orticanoodles annunciano sui social il loro nuovo murale, ultimo arrivato tra i loro capolavori

Credit: @andreacherchi_foto

“Non ci basta mai”. É così che i due artisti di strada italiani Wally e Alita, in arte Orticanoodles, annunciano sui social il loro nuovo capolavoro.

Nuovo MURALE capolavoro a MILANO

# Chi sono gli Orticanoodles

Pseudonimo di due artisti di strada italiani, Walli e Alita, gli Orticanoodles sono tra i primi fautori della stencil art in Italia. 


Hanno preso forma in un laboratorio situato nel quartiere Ortica di Milano per poi espandersi sempre di più, trasformando la loro attività in un collettivo di più di 20 artisti.
Il loro obiettivo? Farsi sentire, vedere, ammirare, urlando al mondo messaggi formato gigante.

Le opere più recenti sono basate sul nuovo concept dello stencil on stencil, dove i ritratti di leader storici e personaggi famosi si sovrappongono alle parole, rendendo i loro murales molto più di belle opere d’arte.

I loro lavori si sono estesi in varie zone delle città facendo girare il loro nome ormai in tutto il mondo. Alcune opere fanno parte di progetti di riqualificazione voluti dal comune, altri sono commissioni di aziende che si affidano alla street art per trasmettere la loro identità.



# Il nuovo capolavoro

Credti: @orticanoodles

“Non ci basta mai”. É così che i due artisti di strada italiani Wally e Alita, in arte Orticanoodles, annunciano sui social il loro nuovo capolavoro.

Il murale si trova in via Borsieri 5, quartiere Isola, nasce dall’incontro con le opere dello sculture Francesco Messina ed è un tributo alla ballerina Aida Accolla, spesso modella del maestro Messina con Carla Fracci e Luciana Savignano.

Questo murale però non è l’unico che porta la firma degli Orticanoodles, si aggiunge infatti alla lunga lista di capolavori realizzati da questo gruppo che sembra puntare sempre più in alto.

# Altre loro celebri opere: La Madonnina in versione street art

Credit: @orticanoodles

Grazie agli Orticanoodles la ‘Madunina’ si è trasferita agli inizi di settembre nel quartiere Ortica di Milano, in via Pitteri 23.

Il maxi murale che ritrae la Vergine simbolo della città di Milano è stato dipinto sulla facciata del palazzo proprio di fronte all’edificio in cui lo stesso gruppo aveva dipinto la navata centrale e le guglie del Duomo qualche mese prima.

Divisa in strisce verticali, la Madonnina è stata realizzata in una scala di colori dal giallo al bianco proprio per rievocare la doratura che contraddistingue la statua originale.

L’opera si aggiunge al progetto Or.Me (Ortica Memoria) che punta a trasformare il quartiere della periferia Est di Milano in un museo a cielo aperto, con la speranza che possa essere il baluardo della forza della street art.

# Il cuore che pulsa

Credit: @heartsofcities

Molti sono i lavori commissionati da aziende che trovano nella street art una nuova forma di comunicazione.

Ne è un esempio il murale dedicato alla musica in via Conchetta, commissionato da Porsche in occasione della Music Week.

“Music is a never ending journey” è il titolo dell’opera che raffigura un gigantesco cuore pulsante posto al centro di un cosmo musicale ispirato a diversi generi e strumenti musicali.

Quale sarà il prossimo capolavoro di questo gruppo di artisti?

Continua la lettura con :IL MURALE che trasforma un palazzo in una LIBRERIA GIGANTE (immagini)

ARIANNA BOTTINI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


2 COMMENTI

Comments are closed.