M4: approvato l’hub al capolinea ovest. Quando verrà realizzato?

La giunta ha approvato l’hub al capolinea ovest della M4. Ora la “palla” passa al Consiglio Comunale

Credits: www.affaritaliani.it

Realizzare il parcheggio di interscambio interrato nell’area San Cristoforo Ronchetto, quello che sarà il capolinea Ovest della M4. Ecco qual è stato l’oggetto della delibera approvata dalla Giunta, che dovrà però passare al vaglio del Consiglio comunale.

M4: approvato l’hub al capolinea ovest. Quando verrà realizzato?

# Un’area di circa 20 mila metri quadri con un parcheggio interrato e un hub a livello stradale

Credits: corso22.com

Ma di cosa si tratta? Un’area di circa 20 mila metri quadri ospiterebbe al piano interrato 290 auto, senza sottrarre spazio in superficie e permettendo di realizzare un’area verde in connessione con il Parco Sud. Poi, a livello strada, verrebbe costituito un hub per il capolinea dei bus extraurbani da e verso Buccinasco e Corsico, diventando il parcheggio di interscambio della nuova linea metropolitana.


Per l’assessore alla Mobilità e Lavori pubblici, Marco Granelli, questo progetto “contribuirà ad evitare a quartieri come Giambellino e Ronchetto di essere invasi da auto e sosta selvaggia, tutelando i residenti di questa parte di città”.

Infatti, la M4 permetterebbe a residenti e cittadini di altri comuni di essere in centro in pochissimi minuti, senza utilizzare l’auto.

# Percorsi pedonali e ciclabili, zone verdi e aree gioco…

Credits: www.affaritaliani.it

Questo parcheggio, chiamato Merula-Chiodi, risponderebbe alle nuove esigenze della città e al bisogno di muoversi senza ingorgare i quartieri residenziali. Ma non solo: valorizzerebbe il trasporto pubblico e la mobilità alternativa, creando nuove connessioni per chi viene da fuori.



In più, con l’approvazione del progetto si creerebbero anche sistemazioni superficiali con percorsi pedonali e ciclabili, ampie zone verdi con alberi d’alto fusto e numerose aree gioco.

# Questo progetto permetterebbe di raggiungere più velocemente la metropolitana

Credits: www.ilgiorno.it

Un hub che nascerebbe dal progetto di Metropolitana Milanese e strettamente collegato alla nuova viabilità Chiodi-Enna-Merula e alla passerella ciclopedonale di piazza Tirana-San Cristoforo-Ronchetto. Un hub che permetterebbe agli abitanti del quartiere Ronchetto e ai cittadini di Buccinasco e Corsico di accedere velocemente alla metropolitana, grazie soprattutto al minor traffico.

E, collegata alla passerella ciclo pedonale, verrebbe realizzata anche una velostazione, per completare quella che è l’offerta di mobilità dell’hub.

# Si tratterebbe di una concreta riqualificazione di aree degradate

Da notare che questo parcheggio di interscambio sarebbe realizzato su aree comunali e su aree di proprietà dell’Agenzia Nazionale per l’Amministrazione e la Destinazione dei Beni Sequestrati e Confiscati alla Criminalità Organizzata.

Quindi, che dire? Si tratterebbe di un’opera di riqualificazione che potrebbe aiutare molto a diluire il traffico nei quartieri residenziali, eliminando le attuali congestioni quotidiane.

Ora bisogna attendere e capire se il Consiglio comunale approverà.

Fonte: corso22.com

Continua la lettura con: Le IMMAGINI in ANTEPRIMA della fermata della metro di LINATE M4

ALESSIA LONATI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.