L’OPERA ACADEMY si trasferisce a Milano

Questa sarà la sua nuova sede


Il Maestro Riccardo Muti ha deciso di trasferire la prestigiosa Opera Academy da Ravenna a Milano. Questa sarà la sua nuova sede.  

L’OPERA ACADEMY si trasferisce a Milano

La fucina dei direttori d’orchestra del futuro

Un progetto di formazione per giovani talenti e futuri direttori d’orchestra. Aperto a iscritti tra i 18 e i 35 anni di età che potranno accedere tramite iscrizione al bando che si chiuderà il 25 Giugno: chi accederà al programma potrà esibirsi dal 4 al 15 dicembre di quest’anno. Almeno per il 2021 la sede sarà a Milano. Il progetto si pone l’ambizioso obiettivo di valorizzare il patrimonio musicale mondiale e, nel contempo, quello operistico italiano.


Verdi sarà il protagonista 

Incentrato sulla esibizione del Nabucco, l’opera verdiana che comprende il “Va pensiero”, il concorso vedrà sfidarsi talenti di tutto il pianeta che avranno completato gli studi di Pianoforte e Direzione d’Orchestra. Un percorso costruito tra lettura e prove, sia d’assieme che di sala.

Muti e l’Opera Academy alla Fondazione Prada

Credit: fondazioneprada.org

La riduzione dei contagi consentirà l’accesso al pubblico che avrà modo di prenotare e acquistare un biglietto tramite il sito web della Fondazione Prada. Ad accompagnare le prove l’esibizione finale ci sarà l‘Orchestra giovanile Cherubini.

 
Fondata nel 2015 l’Opera Academy ha già dimostrato nella sua breve vita di avere un ruolo determinante per la formazione di astri emergenti che dopo l’esperienza maturata all’interno dell’accademia stanno già prestando il loro talento in alcune tra le migliori orchestre del pianeta.
 
Un successo che parte da molto lontano, dal 28 Luglio del 1941 quando nacque il Maestro Muti e una vita di studi abbinati ad un talento unico forgiarono uno dei più bravi direttori d’orchestra di tutti i tempi. La scelta del Nabucco potrebbe sembrare casuale ma va ricordato che nel 2011 Muti, in disaccordo con i tagli alla cultura voluti dall’allora Governo Berlusconi IV, tenne una sorta di comizio prima di esibirsi con il bis proprio sull’aria di “Va pensiero”, e forse l’esibizione che si terrà a Dicembre sarà una sorta di rivincita dell’arte e della musica in particolare con la benedizione di tutti gli addetti del settore.

L’esibizione finale

Fondazione prada
Fondazione Prada

Chi vorrà assistere alla doppia esibizione finale, che si terranno il 14 e il 15 dicembre, dovrà affrettarsi ad acquistare i biglietti. Mentre la prima serata vedrà il Maestro alla direzione dell’orchestra, il 15 l’Orchestra giovanile Cherubini sarà guidata dai vincitori dell’Accademia 2021. Grande prestigio anche per fondazione Prada che tornerà ad ospitare la grande musica dopo e precedenti parentesi che hanno permesso alla musica elettronica di rendersi protagonista di alcune serate tra il 2018 e il 2019.



Continua la lettura con: La città della musica

ROBERTO BINAGHI
 

copyright milanocittastato.it

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.

 


Articolo precedenteA Milano serve un sindaco?
Articolo successivoIl “BUCO NERO” di Pagano: quale FUTURO per il grosso spiazzo?
Roberto Binaghi
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.