A Milano serve un sindaco?

La grande differenza a Milano non la fa il primo cittadino ma la comunità

Credits: Andrea Cherchi

Fa scalpore l’incapacità del centro destra di trovare un candidato da contrapporre all’altro schieramento.
Ma a Milano serve un sindaco?

Se si prende la storia di Milano, almeno quella degli ultimi trent’anni, si vede una continuità d’azione e di crescita della città che sembra completamente indipendente rispetto al sindaco.


Ad esempio, l’Area C che oggi rappresenta uno dei baluardi dell’attuale amministrazione riprende in realtà un’iniziativa di un sindaco di centrodestra, la Moratti, che aveva introdotto la ZTL Ecopass, basata sul principio dell’ecologia. Anche se la narrazione del provvedimento è stata differente e spesso travestita da motivazioni ideologiche, in realtà hanno tutti agito con continuità rispetto all’idea iniziale.

Lo stesso vale per ogni altro ambito. La lotta allo smog e al traffico, lo sviluppo della metropolitana, la sicurezza e l’apertura all’innovazione urbanistica sono tutti i temi che qualunque sindaco a Milano deve portare avanti. Comprese anche le favole elettorali, tipo l’apertura dei navigli o il rilancio delle periferie.

A Milano la figura del sindaco assomiglia più a quella di un rappresentante della comunità che non deve ostacolare lo sviluppo naturale della città.
Questo è evidente dal fatto che il sindaco di Milano ha gli stessi poteri, praticamente inesistenti, di qualunque altro sindaco dei quasi ottomila comuni d’Italia. La grande differenza a Milano non la fa il primo cittadino ma la comunità.



Le strade per il futuro amministrativo di Milano sono due: o si dà a chi governa la città poteri all’altezza di una grande metropoli europea, oppure si potrebbe rinunciare alla figura del sindaco e sostituirla con un organo collegiale che rappresenti in modo più diretto le diverse istanze della comunità che è l’unico vero motore del progresso della città.

Continua la lettura con: La paura del buio

MILANO CITTA’ STATO

Riproduzione vietata al sito internet che commette violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte 

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/ 
Solo per gli iscritti alla newsletter: gli inviti agli eventi, agli incontri e alle feste di milano città stato

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io) 

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 


1 COMMENTO

  1. Si di un sindaco che faccia l’interesse dei cittadini nn dei nullafacenti che delinquono per la città

Comments are closed.