Il “BUCO NERO” di Pagano: quale FUTURO per il grosso spiazzo?

Ecco 5 possibili trasformazioni

Pagano

Da decenni questa brutta colata di asfalto adibito a parcheggio all’aperto stona all’interno di un quartiere signorile, con vie commerciali e giardini. Ecco come potrebbe essere ripensato.

Il “BUCO NERO” di Pagano: quale FUTURO per il grosso spiazzo?

# Un brutto parcheggio in una delle zone più signorili della città

Pagano

L’area compresa tra via Giotto, via Pagano e via del Burchiello è da decenni adibita a parcheggio a pagamento, per auto e per bus turistici, oltre alla presenza di numerosi venditori e parcheggiatori abusivi. Un giorno alla settimana ospita il mercato del quartiere, mentre a Natale il tendone del Banco di Garabombo oltre ad altre sporadiche iniziative durante l’anno. Nel complesso è un piccolo pezzo di città dimenticata, un po’ terra di nessuno, che contrasta con la signorilità della zona, con vie commerciali e giardini e non lontano da due delle vie più belle di Milano, corso Vercelli e corso Magenta.


Credits: milano.repubblica.it – Pagano M1

Il paradosso di questa colata di asfalto a servizio delle auto è che si trova sopra linea metropolitana M1, con le uscite delle fermata Pagano a pochi metri, e a un parcheggio interrato. Pensato per gli automobilisti che arrivavano in città, quando questa stazione della linea M1 era il capolinea a ovest, nessuna amministrazione ha mai pensato di sistemarlo o riconvertirlo in un luogo più gradevole nemmeno quando la linea è arrivata fino a Bisceglie e fino a Rho. 

# Come si potrebbe trasformare. Le 5 proposte di cambiamento

Credits: piccolanewyorker.com – High Line

Vediamo come potrebbe essere migliorato l’impatto di questo triangolo di asfalto, con alcuno contributi dal Gruppo Cantiere Urbanfile:

#1 Se si volesse mantenere ad ogni costo il parcheggio si potrebbe cogliere l’occasione per trasformarlo in una centrale per la produzione di energia solare, con le pensile a copertura delle auto ricoperte da pannelli come già fatto in altri grandi parcheggi. – Cit. Andrea R.



#2 Una soluzione di abbellimento meno costosa sarebbe l’inserimento di aiuole, alberi o arbusti, in base alla profondità resa possibile dal sottostante stazione, come intervallo tra ogni posto auto e garantire un raffrescamento della zona e un miglioramento della qualità dell’aria.

#3 Uso misto area parcheggio sopraelevato, mercato e parco pubblico: piantare alberi per fare più ombra e barriera. – Cit. Texal M.

#4 Un parco sopraelevato, che garantirebbe ombra alle auto parcheggiate a livello strada, da collegare con due rampe al vicino Parco Pallivicino. – Cit. Nicola M.

#5 La soluzione più drastica sarebbe quella di eliminare completamente i posti e realizzare un parco verde unito ai giardini accanto, con area giochi, uno skatepark, panchine e altre aree attrezzate per lo sport all’area aperta.

 

Continua la lettura con: La CASA CHE VOLA: l’ultima rivoluzione. Arriverà anche in Italia?

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Leggi anche: Coltelli, machete in centro a Milano e una generazione che continuiamo a non volere ascoltare

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.