La RIVOLUZIONE di CORDUSIO: il nuovo salotto chic di Milano

In attesa della riqualificazione di tutta la piazza scopriamo il nuovo salotto della città

Credits Andrea Cherchi - Palazzo Broggi

Gli edifici di piazza Cordusio si stanno rinnovando e con loro gli inquilini che ne occupano gli spazi. In attesa della riqualificazione di tutta la piazza scopriamo il nuovo salotto della città.

La RIVOLUZIONE di CORDUSIO: il nuovo salotto chic di Milano

# I nuovi inquilini dei sei edifici di piazza Cordusio

Area C
Riqualificazione piazza Cordusio

Nell’ellisse di piazza Cordusio prosegue il rinnovamento dei sei edifici che ne segnano il perimetro, con restauri conservativi e vincolati di cui alcuni già conclusi e altri in corso, e anche degli inquilini che li occupano e li occuperanno nei prossimi anni. Si tratta prevalentemente di nuove griffe d’alta moda e sedi d’impresa, ma anche attività commerciali. In attesa della riqualificazione di tutta la piazza scopriamo il nuovo salotto chic della città.


#1 A Palazzo Venezia aprirà l’Hotel Meliá a cinque stelle nel 2023

Google maps – Palazzo Venezia

Nell’edificio di Palazzo Venezia delle Generali progettato dal Beltrami a inizio secolo, al centro della piazza, troverà posto una nuova struttura alberghiera: il Gran Meliá, quasi una conciergerie a cinque stelle metropolitana di 9mila mq che inaugurerà nel 2023. Il retro di via Mercanti 21, circa 2.000 mq, sarà destinato al retail.

#2 Nell’ex Palazzo delle Poste si sono insediati Starbucks, Jp Morgan e Fao Schwarz

fast food milano
Starbucks Milano

Nell’ex Palazzo delle Poste gli spazi sono occupati da Starbucks già dal 2018, dagli uffici di Jp Morgan e dall’ultimo arrivato Fao Schwarz, il negozio di giocattoli famoso in tutto il mondo distribuito su 600 mq.

Leggi anche: Ha aperto a Milano il “quartier generale di BABBO NATALE”



#3 In Casa Biandrà ha trovato posto il comparto bancario

Google maps – Casa Biandrà

Nell’edificio Casa Biandrà, in mano a Cattolica assicurazioni, gli uffici sono occupati da Banca Mediolanum e Intesa.

#4 Al Medelan sbarcherà Chanel nel 2022

Credits Andrea Cherchi – Palazzo Broggi

Nel Medelan, il nuovo nome di Palazzo Broggi ispirato al primo insediamento celtico della città (Medhlan), a oggi è stato affittato il 25% degli spazi, sui 17.000 mq per uffici e i 13.000 per negozi. Dopo il nome emerso dello chef Niederkofler per il ristorante panoramico, uno dei prossimi inquilini sarà Chanel che nel 2022 insedierà i propri uffici su 1.000 mq con affaccio sulla piazza. In trattativa per i piani ancora disponibili ci sono studi legali internazionali e istituti bancari.

#5 Nel palazzo Bellorini e de Strani sono arrivati Uniqlo e Bain & co

Credits masatakairie IG – Bellorini e de Strani

Nell’edificio Cordusio 2.0, il nuovo nome affibbiato al palazzo di Bellorini e de Strani, si sono insediati da tempo lo store di abbigliamento giapponese Uniqlo e il quartier generale della società di consulenza Bain & co per l’area mediterranea.

#6 Casa Savoncelli-Bellorini è occupata da Kiko e F2i

Google maps – Casa Savoncelli-Bellorini

Nella Casa Savoncelli-Bellorini, all’angolo con via Broletto le vetrine sono occupate dal negozio di prodotti per il make-up di Kiko, mentre negli spazi dedicati agli uffici ha sede il gestore italiano di fondi infrastrutturali F2i.

Continua la lettura con: Milano 2030: la VISIONE di Tancredi

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: Contagi in aumento? Come viaggiare stando (quasi) fermi

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.