🛑 La prima pietra di CityWave, la nuova ONDA sul futuro di Milano

CityWave

Negli ultimi anni, il tema dell’ambiente è stato uno dei temi più caldi affrontati dall’uomo. Politici, scrittori, opinionisti, giornalisti insomma un po’ tutti hanno detto la propria a riguardo. Lo stesso Beppe Sala dichiarò a marzo di quest’anno che ambiente e digitale creano lavoro. Di ambiente se ne sta parlando ampiamente in questi giorni con la posa della prima pietra per la costruzione di CityWave che sarà costituito interamente da uffici alimentati da fonti rinnovabili e che costituisce l’ultimo tassello di CityLife.

La prima pietra di CityWave, la nuova ONDA sul futuro di Milano

# Quali sono le energie rinnovabili?

CityWave

I combustibili tradizionali quali i fossili, il petrolio, il carbone e il gas naturale sono stati per anni le fonti principali di energia. Da qualche anno, soprattutto da quando l’ambiente è diventato un argomento molto sensibile, si è parlato tanto di energia rinnovabile che non è altro che una forma di energia rigenerabile e cosa più importante è che inesauribile. Va da sé che, per questa ragione, si parla dell’energia rinnovabile come l’energia del futuro.
Ma quali sono queste energie rinnovabili?
Secondo la normativa italiana le fonti di energia rinnovabile sono incluse il sole, il vento, le risorse idriche e geotermiche, le maree, il moto delle onde e le biomasse vale a dire la trasformazione in energia di prodotti vegetali o dei rifiuti inorganici e organici.


# Il progetto CityWave: due blocchi East e West a CityLife alimentate completamente da energia rinnovabile

CityWave

Dopo anni di trattative il comune si Milano ha affidato allo studio danese BIG – Bjarke Ingels Group il progetto Citywave che ha come obiettivo quello di completare il panorama di CityLife e quindi cambiare ulteriormente lo skyline di Milano che con questo nuovo progetto si avvicina sempre di più alle grandi capitali europee. Il progetto avrà un costo stimato tra i 170 e i 180 milioni di euro e si prevede la chiusura del cantiere entro il 2025. Secondo le dichiarazioni dei coinvolti al progetto, sarà una piccola smart city, dove qualità della vita e disponibilità tecnologia si uniranno in un progetto straordinario.

CityWave

Secondo il progetto l’intero edificio, diviso in due blocchi denominati East e West, sarà alimentato esclusivamente da energia rinnovabile, si parla di undicimila pannelli fotovoltaici in grado di fornire un’energia pari a 1200 MWh con un risparmio di quasi la metà di energia standard.

Si completerà così Citylife, un quartiere che un tempo era solo celebre per la presenza della Fiera e che invece da qualche anno si è rinnovato, facendolo diventare un luogo ricco d’iniziative e altamente competitivo a livello europeo.
Non mancherà la presenza di un parco, il verde è elemento quasi fondamentale negli ultimi progetti urbanistici (vd Bosco Verticale nda), questo per continuare a dare importanza all’ecologia e all’ambiente (un cavallo di battaglia per Sala che ha puntato su questo, una buona parte della sua campagna elettorale per la rielezione a sindaco).
Alla posa della prima pietra erano presenti numerosi organi politici, Sala ha dichiarato che l’inizio di questi lavori è cominciato senza problemi e si è detto certo che alla fine sarà un progetto ammirato dai milanesi e imitato all’estero.



Continua la lettura con: Citylife allo sprint finale

MICHELE LAROTONDA

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Leggi anche: Nessuno tocchi Alessandro Barbero. Apologia di uno storico “star dei social” (suo malgrado)

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.

 


Articolo precedenteI 10 POSTI più BELLI d’Italia dove andare a SETTEMBRE
Articolo successivo🛑 LETTERA degli STUDENTI del CONSERVATORIO di Milano contro il GREEN PASS
Michele Larotonda nasce a Potenza nel 1977, ma vive e lavora a Milano. Da sempre appassionato al mondo della scrittura partecipa a un corso di scrittura creativa che lo fa avvicinare al mondo del cinema scrivendo sceneggiature per alcuni cortometraggi che hanno avuto visibilità in rassegne specializzate a Milano e a Roma. Scrive e conduce il programma radiofonico I 2 della Stangata andato in onda su Radio 2.0. Nel 2018 esordisce con il romanzo IL SOGNOSCURO (Link edizioni) e il 2020 è la volta di DA UN’ALTRA PARTE (PAV edizioni). Collabora con i portali Sul Romanzo e RockShock.