Il primo BORGO RESIDENZIALE di Milano: come sarà FORREST in TOWN

Ecco lo stato di avanzamento dei lavori e come sarà il progetto quando sarà ultimato

Credits forrestintown.it - Interno corte

Proseguono i lavori per Forrest in Town, il primo borgo residenziale milanese. Ecco lo stato di avanzamento e come sarà il progetto quando sarà ultimato.

FORREST in TOWN: il primo BORGO RESIDENZIALE di Milano

# Il primo borgo residenziale di Milano che punta su sostenibilità e socialità

credit: forrestintown.it

Su iniziativa del Gruppo Building sta nascendo un progetto che intende trasformare l’ex fabbrica Galbani nel primo borgo residenziale milanese all’insegna della sostenibilità, del relax ma soprattutto della socialità: Forrest in Town. La firma è di uno degli architetti milanesi più famosi, Daniele Fiori, che ha voluto aggiungere design e tecnologia all’ambiente tradizionale delle case di ringhiera.

Credits forrestintown.it – Ingresso complesso residenziale

Anche la posizione è simbolica, si trova infatti situato in una delle zone milanesi più rivalutate negli ultimi anni: il Naviglio Grande, tra via Biella, Via Simone Martini e Via Bonaventura Zumbini a pochi passi dal nuovo business district The Sign. Le nuove residenze parteciperanno alla progressiva riqualificazione di Milano che è ancora oggi prosegue tenacemente.

Leggi anche: THE SIGN: il nuovo polo sui NAVIGLI che rivoluziona lo SKYLINE di Milano

# Un corte di design che coniuga tradizione e innovazione

Il design è quello che contraddistingue gli interni degli appartamenti e i giardini interni. La caratteristica principale di questa corte moderna è proprio il contrasto tra tradizione e innovazione, che poi a pensarci bene è il filo rosso che unisce ogni angolo della città di Milano. Gli interni delle residenze sono state pensate per rappresentare l’aspetto moderno e tecnologico restando fedeli ad un unico presupposto: la cura. L’attenzione ai dettagli è ciò a cui il progetto punta e può essere uno spunto per il resto della città: perché non prestare attenzione anche alle piccole cose?

# Un’oasi di relax di 5.500 mq a stretto contatto con la natura

credit: forrestintown.it

Un altro aspetto centrale del progetto è il contatto con la natura e con sé stessi, e infatti il cuore pulsante della corte sarà proprio il giardino: un’area di 5.500 mq per risvegliare la socializzazione, trascorrere tempo insieme ma soprattutto per non perdere quell’innato bisogno di natura che spesso chi vive in città chiude in un cassetto. Tutto il complesso residenziale sarà realizzato seguendo i criteri della bioedilizia e del contenimento energetico. Tutte le aree verdi verranno innaffiate grazie al reimpiego delle acque di pozzo e anche l’inquinamento sonoro sarà ridotto al minimo e contenuto all’interno dei locali tecnici interrati. Qual è l’obiettivo di vivere in un’oasi piena di natura e socialità? Sicuramente il benessere personale. Il relax qui sarà a portata di condomino, infatti al di sotto del giardino si troveranno una SPA e una palestra che sulla torta di questo spettacolare borgo, rappresentano la ciliegina.

# I lavori dovrebbero terminare entro la metà del 2023

Il cantieri per la costruzione del complesso residenziale di 10.000 mq procedono secondo il cronoprogramma iniziale. Una parte vede già alzarsi i primi piani fuori terra, un’altra porzione si trova a livello del piano seminterrato dove troveranno posto garage e cantine. La conclusione dei lavori è prevista attorno alla metà del 2023.

 

Fonte: Forrest in town

Continua la lettura con: Un NUOVO GRATTACIELO per gli uffici di REGIONE LOMBARDIA?

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteAlessandro PACIELLO: “la mia Milano sarà CITTÀ STATO”
Articolo successivoGANZO: come si dice a Milano?
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.