Il mistero irrisolto della FONTANA ASCIUTTA di PIAZZA GRAMSCI

Doveva essere l'attrazione di una delle piazze più stravaganti della città. Cosa si potrebbe fare? 

credit: fontanedimilano.it

Doveva essere l’attrazione di una delle piazze più stravaganti della città. Una fontana dalla strana forma e posizione che però non viene messa in funzione da circa 30 anni. Qual è la sua storia?

Il mistero irrisolto della FONTANA ASCIUTTA di PIAZZA GRAMSCI

Il mistero della fontana di Piazza Gramsci continua ad essere irrisolto, tra i dubbi e la rabbia dei cittadini. Ma perché questa fontana di strana forma e posizione è stata costruita senza essere mai utilizzata? E cosa si potrebbe fare per migliorare la condizione di degrado in cui riversa?


# Una fontana asciutta da circa 30 anni

credit: fontanedimilano.it

La storia della degradata fontana è iniziata negli anni ’90, ed era parte di un progetto più ampio con il quale l’amministrazione comunale intendeva riqualificare la piazza nel suo complesso. Dopo la costruzione di un parcheggio sotterraneo, la piazza venne completamente pedonalizzata e dotata di questa grande fontana situata nel primo piano interrato dei box, nel lato settentrionale della parte centrale. E per chi la fontana non l’ha mai vista può sorgere spontanea la domanda: “Non la azionano perché è esteticamente brutta?”.

# Dalle cascate e i giochi d’acqua, ad un cestino per rifiuti

credit: blog.urbanfile.it

Ma la fontana di Piazza Gramsci non è brutta, anzi (e comunque non sarebbe una buona scusa per tenerla spenta). Si presenta come un grande muro di 180 mq, rivestito in piastrelle bianche e blu, che avrebbero dovuto rendere ancor più dinamico lo scorrere dell’acqua. La caratteristica predominante sono però le sue forme ondulate, presenti sia nella parte centrale che lateralmente e che ricordano moltissimo quelle di uno scivolo d’acqua. Il complesso è stato progettato per dare vita a dei fantastici giochi d’acqua, predominati da cascate. Eppure, a causa di infiltrazioni sotterranee, è da sempre inutilizzata e viene spesso trasformata in un cestino per i rifiuti che il Comune continua a raccogliere, senza risolvere il problema alla radice.

# Trasformare lo spazio o far ripartire la fontana?

Le soluzioni per migliorare la condizione di degrado potrebbero essere moltissime, ma al momento la fontana è gestita dal concessionario del parcheggio sotterraneo che non sembra volersene occupare. Il Comune nel 2013 l’ha autorizzato a trasformare la fontana in una grande area giochi per bambini, di cui effettivamente ne ricorda le forme. Ma il progetto non è mai neppure partito e il sito Urban File ha proposto un’idea semplice ma esteticamente più bella, più eco friendly e anche più pulita: fare dei terrazzamenti con piante, arbusti e fiori.



credit: blog.urbanfile.it – Come sarebbero i terrazzamenti verdi

Sia l’idea del parco giochi che quella dei terrazzamenti verdi migliorerebbero nettamente l’aspetto complessivo della piazza e valorizzerebbero uno spazio che finora è stato totalmente ignorato. Nonostante le molteplici soluzioni possibili, sarebbe ancora meglio trovare una soluzione per tornare a far scorrere l’acqua nella fontana, visto che per ora vi è scorsa solo l’acqua piovana.

Fonte: Corriere , Urban File

Leggi anche: L’avanguardismo della FONTANA DELLE QUATTRO STAGIONI di CityLife

ROSITA GIULIANO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.