Gli CHAMPS ÉLYSÉES di Milano sono forse all’ultima curva

Dopo la falsa partenza una nuova schiarita sul progetto

champs elysee, milano
champs elysee, milano

Molti più ciclisti e molti più pedoni, è questo quello previsto dal progetto per la riqualificazione di Corso Sempione, che ci si augura vedere il prima possibile. I lavori per i nuovi Champs Élysées milanesi infatti sarebbero già dovuti iniziare, invece è tutto fermo…sarà un’altra storia tortuosa come altre?

Gli CHAMPS ÉLYSÉES di Milano sono forse all’ultima curva

# Il progetto per Corso Sempione: luci e ombre

milano.fanpage.it

270 posti auto che andranno a sfavorire il continuare a parcheggiare tra gli alberi del viale, la realizzazione di un’area di pedonalizzazione e la costruzione di piste dedicate ai velocipedi, ecco qua in poche parole quello che si prevede di realizzare in Corso Sempione.


Sarà dunque un viale più verde, ma il progetto potrebbe far perdere al Corso la sua frequentazione notturna. Negli ultimi anni infatti tutta la zona che va dall’Arco della Pace fino a Piero della Francesca, passando per Sarpi, si era affermata come particolarmente vivace la sera, probabilmente perchè era ormai l’unica parte di Milano con ampi spazi per lasciare l’auto. Ora che i parcheggi improvvisati non saranno più disponibili cosa succederà? Ma la domanda “cosa succederà” è molto più generale, perché la riqualificazione di Corso Sempione doveva essere già realtà, invece è quasi il nulla. Dove sono gli Champs Élysées milanesi?

# La prima falsa partenza

I lavori per la pista ciclabile di Sempione dovrebbero iniziare a febbraio 2022 e durare 240 giorni. La riqualificazione del Corso è stata infatti rimandata perché l’azienda scelta a gennaio di quest’anno per la costruzione, alla fine non è stata giudicata idonea. Per questo motivo è ripartita una gara per l’assegnazione del cantiere, che dovrebbe terminare entro il prossimo gennaio e i lavori quindi iniziare a febbraio.



Il processo di approvazione era già stato lungo di suo e ora la riqualificazione è stata ritardata. Il piano risale infatti al 2015, quando fu approvato il progetto e furono fissati 4 milioni di euro per realizzarlo. L’incarico per la progettazione definitiva era stato però affidato formalmente a MM solo nel 2017 e nel 2019 il progetto definitivo era stato approvato.

# Una serie di imprese non idonee

Credits: www.chiamamilano.it

Nel luglio 2020 sembrava però tutto pronto: il progetto esecutivo approvato e la gara affidata ad un’impresa. L’impresa, però, pur avendo tutte le carte in regola e tutto le qualifiche richieste, non aveva mai lavorato a Milano e portato avanti lavori simili. Quando la Direzione Appalti MM aveva chiesto tutta la documentazione necessaria per sottoscrivere il contratto, emise una nota di diffida prescrivendo la trasmissione della documentazione entro il mese di dicembre 2020. L’assegnazione dei lavori inoltre prevedeva che l’impresa vincitrice avrebbe dovuto aprire una sede locale entro 50km da Milano. L’impresa aggiudicataria non rispose a MM e quindi gli fu revocata l’assegnazione dei lavori. La riqualificazione fu allora affidata ad un’altra impresa, ma anch’essa si rivelò non idonea. Allora, alla fine, fu riaperta la gara di appalto e ora non ci resta che aspettare la terza assegnazione, sarà quella buona?

Fonti: milanotoday.it

Continua la lettura con: CORSO SEMPIONE cambia VOLTO: ecco i PRO e i CONTRO del progetto

BEATRICE BARAZZETTI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here