Entro l’anno INAUGURA la PRIMA STAZIONE della CIRCLE LINE

Sarà la prima nuova stazione della Circle Line milanese. Vediamo come è stata progettata


Foto interne: Urbanfile

I lavori per la futura stazione Tibaldi, nel sud di Milano in zona Bocconi, sono arrivati nella fase finale. Sarà una delle nuove fermate della circle line che sarà operativa nei prossimi anni. Vediamo come si presenta la stazione e come funzionerà la linea ferroviaria urbana della città.


Entro l’anno INAUGURA la PRIMA STAZIONE della CIRCLE LINE

# Alla fine del 2022 entrerà in funzione la nuova stazione Tibaldi, parte della futura Circle Line

Si avviano alla fase finale i lavori per la costruzione della stazione Tibaldi, l’inaugurazione è prevista a dicembre del 2022, realizzata in un tratto di 250 metri della linea suburbana S9 tra le fermate di Porta Romana e Romolo. La struttura è posizionata tra le vie Bazzi e Fedro, dove sono anche previsti gli ingressi principali. Farà parte della futura Circle Line, che collegherà aree semicentrali e più periferiche di Milano attorno al nucleo centrale della città, e sarà a servizio anche dell’Università Bocconi. Il commento dell’Assessore al Piano Quartieri Pierfrancesco Maran: “Con la realizzazione della Circle Line la linea ferroviaria esistente sarà collegata da treni che connetteranno le varie zone della città ponendo molta attenzione alla tutela dell’ambiente e alla biodiversità“.

# Una fermata “green” e sostenibile

Credits: Comune di Milano – Stazione Tibaldi

Sarà la prima fermata “green” e sostenibile di Milano grazie al finanziamento arrivato dai fondi europei inerenti al progetto “Clever Cities” dove hanno partecipato insieme Comune di Milano, Amat, Politecnico, Rfi e Wwf. L’intervento vede l’installazione di barriere antirumore per ridurre l’inquinamento acustico e una coperta “verde” sulle pareti esterne.

# Il tracciato della Circle Line prevede 12 stazioni, interscambi con 5 linee metropolitane e passaggio dei treni ogni 10 minuti

Circle line Milano
Credits: wikipedia.org – Circle line Milano

La Circle Line milanese, anche se non sarà una vero anello in quanto sul lato ovest non esistono binari e non è previsto un progetto per realizzarli, vedrà altre 4 nuove stazioni oltre alla costruenda Tibaldi: Istria che interscambierà con la M5, Dergano con M3, Stephenson e MIND-Cascina Merlata a nord-ovest. Insieme alle 7 stazioni esistenti di San Cristoforo, Romolo, Porta Romana, Forlanini, Lambrate, Certosa, Rho Fiera ci saranno un totale di 12 stazioni a servizio della città e dei pendolari in ingresso. L’intero tracciato ferroviario su cui transita la linea suburbana S9 verrà rifunzionalizzato, saranno acquistati 20 treni dedicati che a regime passeranno ogni 10 minuti



Leggi anche: Recovery Milano #1. CIRCLE LINE, M6 ed estensione delle linee della METRO

# Il progetto di Circle Line con 36 stazioni per realizzare un vero anello di metropolitana circolare 

Un’ottima notizia l’avanzamento dei lavori, ma potrebbero non bastare per avere un servizio efficiente. La bassa frequenza, il ridotto numero di stazioni e la mancanza di tracciato nel quadrante ovest di Milano sono tre fattori che potrebbero però determinare l’insuccesso di questa infrastruttura. Osando di più come una vera metropoli mondiale, si sarebbe potuta realizzare un vera linea metropolitana circolare, sempre su parte del percorso della linea S9, ma con 36 fermate chiudendo l’anello ad ovest come in questo progetto del 2004.

Continua la lettura con: I rendering della futura STAZIONE MIND-MERLATA della CIRCLE LINE

FABIO MARCOMIN

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteIl ritorno degli HIPPY: ma come si dicono a Milano?
Articolo successivoE’ stata lanciata la NETFLIX delle COMPAGNIE AEREE
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.