CORRIDOI VERDI per le TANGENZIALI?

Un intervento semplice che potrebbe colorare di verde l'area esterna di Milano

1
Autostrada A58 Olanda

Sul gruppo facebook Cantiere Urbanfile viene lanciata una proposta per le tangenziali di Milano, ricavata da alcune esperienze internazionali. Vediamo come si potrebbero realizzare e quali vantaggi apporterebbero.  

CORRIDOI VERDI per le TANGENZIALI?

# Tangenziali milanesi in verde

Tangenziale Ovest Milano

Le tangenziali milanesi potrebbero essere circondate da corridoi verdi? La proposta viene lanciata sul gruppo facebook Cantiere Urbanfile dove ci si chiede se i numerosi spazi verdi tagliati delle arterie stradali, in particolare sul percorso della tangenziale ovest che passa più esternamente rispetto all’aera urbanizzata e attraversa il Parco Agricolo Sud, possano essere ricuciti mettendo a dimora alberi nelle aree che affiancano le carreggiate. Oggi sono presenti in prevalenza terreni agricoli sia coltivati che incolti.

# Gli esempi internazionali

Autostrada A58 Olanda

Sono diverse le esperienze internazionali da cui prendere spunto. Una di queste è l’autostrada A58 in Olanda che in alcuni tratti presenta dei ponti verdi alberati a parziale copertura della stessa infrastruttura affiancati da dei corridoi sempre in erba connessi ai parchi e alle aree verde limitrofe, oltre a percorsi ciclopedonali.

Credits urbanist_dispatch – Madrid Rio

Un altro intervento è quello avvenuto tra il 2003 e il 2007 in Spagna quando parte della M-30, un’arteria della circonvallazione cittadina costruita negli anni ’70 parallelamente al fiume Manzanares, è stata interrata e ricoperta da un parco: il Madrid Rìo.

# I vantaggi principali dalla realizzazione di corridoi verdi

Credits mirkobozzato-pixabay – Smog a Milano

I vantaggi principali nella creazione di questi corridoi verdi sarebbero sostanzialmente tre. Il primo è l’assorbimento dell’inquinamento prodotto dai veicoli in transito sulla strade, con ricadute positive su tutte le aree limitrofe. Il secondo è la mitigazione dell’impatto ambientale delle stesse infrastrutture di asfalto e cemento che attraversano il territorio cittadino. L’ultimo è il miglioramento generale del paesaggio.

Continua la lettura con: L’AUTOSTRADA del futuro: pannelli solari e UNA CICLABILE NEL MEZZO, coperta dal sole

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare
Articolo precedenteDove vai in DUE ORE di TRENO da Milano?
Articolo successivo1 SETTEMBRE, il vero CAPODANNO di Milano: 10 propositi per ripartire meglio di come si è finito
Fabio Marcomin
Giornalista pubblicista. Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia. Il mio background: informatica, marketing e comunicazione. Curioso delle nuove tecnologie dalle criptovalute all'AI. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.

1 COMMENTO

La sezione commenti è chiusa.