3 LUOGHI in ABBANDONO a Milano da salvare SUBITO

Degrado e illegalità. Ciò che si fotografa è una Milano più povera, meno competitiva e, soprattutto, poco vivibile

Credits: https://www.fondoambiente.it/

A Milano sembra prendere sempre più piede il degrado. Non è necessario uscire di notte per accorgersi delle condizioni in cui versano diverse zone della città, soprattutto quelle periferiche. Infatti, tutto succede alla “luce del sole”: edifici ed abitazioni in stato di degrado, case occupate, parcheggiatori e mercatini abusivi, spaccio, gang e baby-gang…

Lasciare in abbandono alcune aree significa coltivare la bruttezza dell’animo e comportamenti delinquenziali. Per questo vorremmo che si avesse un atteggiamento più estetico nei confronti di ogni parte della città, cercando di cogliere l’occasione di una città più rarefatta durante queste chiusure per poterla rimettere in sesto. 


Anche perchè si aggiungono sempre più segnalazioni, come questi tre “nuovi” luoghi di degrado milanese da salvare.

3 LUOGHI in ABBANDONO a Milano da salvare SUBITO

#1 Il ponte ciclopedonale Rogoredo – Porta Romana

Credits: www.milanopost.info

Era il 31 luglio 2012 quando venne inaugurato il ponte ciclopedonale sopra la linea ferroviaria Milano Rogoredo – Milano Porta Romana. Una passerella-ponte costituita da una struttura metallica reticolare lunga 76 metri ed utilizzabile anche dai portatori di handicap grazie agli ascensori e alla giusta pendenza.

Un’opera con un costo che si aggirava intorno al mezzo milione di euro e con grosse potenzialità per il nostro territorio, ma da sempre abbandonata. I suoi padroni sono il degrado e i vandali.



Infatti, sono numerosi i danni inflitti a questo ponte: dalle scritte vandaliche, al danneggiamento degli ascensori, al costante abbandono di rifiuti nell’area sottostante fino agli accampamenti abusivi.

Un’area davvero dimenticata da tutti, soprattutto da chi amministra la città. Nonostante alcuni interventi, come l’installazione di barriere per dissuadere la sosta impropria di camper e roulotte, non è stato fatto molto per rendere questo angolo di città utile e fruibile da tutti.

La realizzazione del secondo lotto del parco Alessandrini potrebbe porre fine a questa situazione e ridonare un senso al ponte di via Varsavia?

#2 Un mercato storico abbandonato ad un triste destino

Credits: blog.urbanfile.org

Un mercato abbandonato, quello che era il punto di riferimento affettivo e storico di un quartiere, ma non abbastanza importante per le azioni della Giunta. Si tratta del mercato di Gorla in viale Monza.

Quel che dispiace è che, a differenza di altre strutture, non ci siano state idee di riconversione in mercati d’eccellenza e di qualità. E ora, il rischio è che, nonostante le macerie, questo posto venga occupato abusivamente.

In più, nonostante le sollecitazioni del Municipio 2 e dell’ATS, il Comune non ha mai risposto alle proposte di riqualificazione dell’area, che prevedrebbero di realizzare un poliambulatorio e una biblioteca comunale.

Perché una Giunta che ricerca progetti, che ha l’obiettivo di riqualificare piazze e strade, non ha preso in considerazione il mercato di Gorla?

#3 Il disastro dell’ex macello di viale Molise

Credits: blog.urbanfile.org

“Questa è la riprova che la tanto vivibilità di Milano sbandierata dal Pd è un’illusione ottica”. Ecco qual è la denuncia del consigliere comunale e regionale della Lega, Max Bastoni, in riferimento alle palazzine Liberty in viale Molise 66, prima sede di un macello comunale, ora casa di sbandati ed immigrati irregolari.

Infatti, i 150 mila metri quadri dell’ex mattatoio sono occupati dal degrado, da cumuli di spazzatura e da avanzi di cibo. Le strutture pericolanti non sono mai state oggetto di un progetto di riqualificazione urbanistica o di una messa in sicurezza, né tanto meno di programmi di integrazione sociale.

Insomma, un’altra prova tangibile del degrado e dell’illegalità che caratterizzano le periferie di Milano. Situazioni davanti alle quali le istituzioni milanesi non dovrebbero rimanere indifferenti.

Fonte: www.ilgiornale.it, www.milanopost.info

Continua la lettura con: Il mercatino dell’ILLEGALITÀ: in vendita la MERCE RUBATA di Milano

ALESSIA LONATI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.