IMMOBILIARE di PREGIO: la RISCOSSA delle zone oltre la CIRCONVALLA

Le preferite per trovare casa


La maggior parte dei nuovi sviluppi immobiliari di lusso nasce in comparti urbani localizzati al di fuori della circonvallazione della 90/91. Ecco le zone preferite dai milanesi dove acquistare casa.

IMMOBILIARE di PREGIO: la RISCOSSA delle zone oltre la CIRCONVALLA. Queste le preferite per trovare casa

# La maggior parte dei nuovi sviluppi immobiliari di lusso è fuori dalla circonvallazione della 90/91


In base al Market Report Milano/Roma di Engel &Völkers, gruppo leader nel settore dell’immobiliare del pregio relativo al secondo semestre 2021, realizzato in collaborazione e con il supporto scientifico di Nomisma, la maggior parte dei nuovi sviluppi immobiliari di lusso nasce in comparti urbani localizzati al di fuori della circonvallazione della 90/91: “il limite della linea 90/91 vede pertanto sfumare il proprio storico segno di confine del mercato di pregio. In tal senso, la città sta sperimentando una forte espansione orizzontale. Sul versante dei prezzi, molti sono gli immobili di lusso che presentano quotazioni ampiamente fuori mercato, indipendentemente dalla zona di riferimento. Gli immobili in centro storico sono considerati un investimento esente da rischi, in particolare per gli investitori non locali, mentre i residenti investono in altre zone, dove i prezzi sono aumentati di più rispetto al centro”.

# Il comfort abitativo batte la location in centro città

Credits: www.elledecor.com

Nel report viene sottolineato come la location, intesa come centralità, ha perso forza nei confronti del comfort abitativo. L’identikit di chi compra nelle nuove zone è costituito da giovani famiglie mediamente benestanti, che contribuiranno alla crescita economica e sociale del tessuto urbano di queste nuove micro-aree destinate a riqualificarsi sempre di più”. 

# Le zone preferite dove acquistare immobili di pregio

Credits: Urbanfile – Circonvalla Milano

Vediamo quali sono le zone preferite in cui acquistare immobili di pregio fuori dal centro: 



  • a ovest, dove le quotazioni medie vanno da 5.500 a 8.200 euro/mq per gli immobili ristrutturati al nuovo e da 4.400 a 6.300 euro/mq per quelli da ristrutturare, Gambara-Bande Nere, Lorenteggio e San Siro con valori compresi tra 4.000-5.600 euro/mq circa. Fuori mercato City Life con prezzi tra 7.700-14.500 euro/mq;
  • nel quadrante sud, dove i prezzi oscillano tra 5.800 euro/mq di Medaglie d’Oro-Lodi e 10.000 euro/mq di Porta Romana-Crocetta-Quadronno. Corso Lodi e Porta Vittoria sono le prescelte dai milanesi;
  • ad est, con valori di compravendita compresi nel range 4.000-9.000 euro/mq per gli alloggi ristrutturati, sono Città Studi e Indipendenza-viale Argonne i quartieri preferiti;
  • infine a nord, dove le quotazioni per le proprietà nuove e ristrutturate al nuovo variano tra 4.500 e 7.000 euro/mq nelle zone Centrale-Loreto e Isola-Gioia-Maggiolina, le preferite sono le aree di NoLo, in salita anche le quotazioni di Bovisa

Mettendo il focus sui prezzi degli immobili del centro storico si va da 8-15 mila euro/mq per quelli ristrutturati al nuovo e da 6-10 mila euro/mq per quelli da ristrutturare, con i picchi di 17-18 mila euro/mq in San Babila, Duomo e Cordusio e i 20-21 mila euro/mq nel Quadrilatero, a Brera e in zona Castello-Foro Buonaparte.

Continua la lettura con: Il PREZZO della CRISI: in LOMBARDIA 2 IMMOBILI su 3 all’asta valgono MENO di 100 mila euro

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.