Attrazioni e luoghi segreti del QUARTIERE EBRAICO di Milano

quartiere ebraico

Uno dei quartieri milanesi di cui si può dire abbia rilevanza internazionale è quello ebraico. È vero che esistono quartieri ebraici in tutte le citta importanti del mondo, come ad esempio a New York, lo Josefov di Praga, ecc. Il mistero che affascina questo quartiere è la Casa 770, chiamata l’Olandese, in via Poerio a Milano.

La casa è un clone di altre 11 case sparse per il mondo, con architettura in stile neo-gotica. Un punto di aggregazione, un riferimento culturale per la città. Qui si organizzano eventi che spaziano dalle esposizioni artistiche agli assaggi della tipica cucina ebraica, pietanze rigorosamente kosher, come tradizione comanda. Sapete che l’abbacchio romano ha origini dalla cucina ebraica? Voi direte, e cosa c’entra con Milano? Gli ebrei, per quanto fossero perseguitati, hanno sempre dato tutto loro stessi per la cultura in generale: da Sidney Sonnino, a Vito Volterra fino alla cucina mediterranea. Infatti la specialità da queste parti è la cucina kosher all’italiana.

Le Case 770 sono presenti negli Stati Uniti, a New York, nel New Jersey, a Cleveland e anche a Los Angeles. In Canada a Montrèal, in Israele a Ramat Shlomo a Kfar Chabad, Kfar Tapuach, Kiryat Ata e Zikhron Ya’aquov, località situate vicino Tel Aviv e Haifa. Altre ancora sono a San Paolo, Buenos Aires, Melbourne, Santiago del Cile e anche in Ucraina. Quella italiana e milanese è l’unica in Europa!

Ma la decisione di replicare il modello architettonico in altre nazioni è legata anche al prestigio del genero di Yitzchok Schneerson, Menachem Mendel Schneerson, che divenne molto noto e apprezzato per la sua devozione, la sua cultura e il suo impegno nella diffusione dell’ebraismo chassidico. Tanto che la Casa 770 arrivò a essere considerata un vero e proprio luogo simbolo per la comunità ebraica ortodossa dei Lubavitcher e iniziò così a essere imitata in diversi paesi.

Quello dei Lubavitcher è un movimento presente a livello internazionale, nato come ramificazione dell’ebraismo chassidico, corrente che si è diffusa nei paesi slavi a partire dal 1800 e che si basa sulla popolarizzazione della Cabala e sulla santificazione di ogni aspetto della quotidianità. Gli uomini di questa comunità, presente anche a Milano, sono facilmente riconoscibili grazie ai tipici cappelli neri in feltro, che indossano insieme ad abiti dello stesso colore. Spesso, inoltre, si lasciano crescere lunghe barbe.

Importante è la sinagoga ebraica vicino al Palazzo di Giustizia. E se per i magistrati “la legge è uguale per tutti”, io rispondo che i dieci comandamenti valgono per tutti. Fu edificata del 1892 e ricostruita nel 1947, dall’architetto Luca Beltrami in stile Neo-Rinascimentale.

I siti ebraici sono sparpagliati un po’ per tutta Milano e vale la pena ricordare che noi italiani abbiamo radici giudaico-cristiane.

DANIELE VASTA

 

Leggi anche:
* 10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
* Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
* Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
* Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
* “Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

Come In Un Bosco