Partito Trieste, la Caporetto della politica

In un momento in cui non c’è una vera opposizione politica, l’unico avversario del governo è la città di Trieste

Credit: @comingoutroma IG

In un momento in cui non c’è una vera opposizione politica, l’unico avversario del governo è la città di Trieste.

Il valore fondante che sta attirando su Trieste tanta simpatia da tutto il mondo è la libertà. Trieste sta rappresentando una sorta di porto franco della libertà dall’imperio, un’isola nel mondo della politica dominato da autoritarismi e restrizioni per i cittadini.


E questo non è un caso. Le proteste spesso nascono nelle periferie e nei ceti più semplici che durante le tempeste sono come piccole navi sopraffatti dalle onde.
È una città abituata da sempre a sopravvivere da sola e a difendere con forza la sua libertà e il suo territorio. In più la distanza dalle stanze del potere romano e il confronto quotidiano con culture straniere le consente di mantenere una visione più distaccata e obiettiva, alimentando uno spirito di corpo e di unità tra le persone.  
Il forte vento della bora riuscirà a spingere la libertà fino alle stanze del potere?

In questa politica spettacolo, come è bello far l’amore da Trieste in giù diventa un pensiero da statista.

Continua la lettura: verifichiamo la capacità ondulatoria 

MILANO CITTA’ STATO



Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: Il caso Enel X: la “Tesla” italiana si è fatta “banca” e ora fa i soldi con il Superbonus

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/

Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità