La pantera nera

Tre comuni pugliesi hanno vietato le attività in campagna perché è stata avvistata una pantera nera


Tre comuni pugliesi hanno vietato le attività in campagna perché è stata avvistata una pantera nera.
La notizia non è che ci sia la pantera ma che sia ritenuto normale vietare alla gente di andare in campagna perché è stata vista una pantera.

Se i comuni sono responsabili della vita delle persone allora lo devono essere sempre, non possono esserlo solo quando vogliono loro. Il Comune è responsabile della salute delle persone? Se è così allora deve indagare su tutti i pericoli che ci sono anche a livello individuale e rispondere di qualunque cosa avvenga.


Ma non è solo questo. La gente dovrebbe essere sconvolta da questa notizia. Anche perché se applicassero la stessa logica in Svezia o in Canada non si dovrebbe più uscire di casa perché ci sono gli orsi, lo stesso per gli stati africani per le bestie feroci o l’Australia dove ci sono i serpenti più velenosi del mondo. Per non parlare dell’Himalaya dove si può perfino incontrare lo yeti.
Ormai in Italia qualunque motivo va bene. Basta che stai chiuso in casa.

Continua la lettura con: lo sci immaginario

MILANO CITTÀ STATO