La lima è uno strumento di libertà?

Emil

Ieri a passeggio con un amico a un certo punto davanti a un negozio di ferramenta è voluto entrare dentro. Mi ha detto devo prendere una cosa, aspettami pure qui se non vuoi entrare. Dopo pochi minuti esce e gli chiedo cosa hai preso?
Uno strumento di libertà, mi dice. Apre il sacchetto e mi mostra una lima da ferro con il manico verde.

Una classica tecnica di manipolazione psicologica è di togliere delle libertà naturali per potersi mostrare generoso nel riconsegnarle. Tipico esempio è nell’educazione da padre-padrone che si è protratta fino a una parte del novecento, in cui le pene corporali comprendevano la reclusione in un ambiente confinato dove il bambino meditava sulle sue colpe e l’educatore mostrava poi generosità e comprensione nel liberarlo.
Un po’ come la lima che per una persona libera ha scarso significato ma per un carcerato è un simbolo di libertà.


Emil era un telefilm svedese tratto da un libro di Astrid Lindgren. Raccontava di un bambino di nove-dieci anni che come tutti i ragazzini ne combinava di ogni. Per punizione veniva regolarmente rinchiuso dal padre nel ripostiglio degli attrezzi della fattoria dove vivevano.
In quello stanzino prendeva un coltello e si metteva a scolpire un pezzo di legno per creare una statuina. E quindi il ripostiglio era pieno di statuine di legno.

Quella che originariamente era considerata una punizione diventava un momento creativo e di realizzazione del bambino.
In una compressione della libertà la lima non è la sola via di uscita. C’è anche la possibilità di intagliare le statuine di legno o di scrivere le mie prigioni.

Continua la lettura con: Elogio della minoranza

MILANO CITTA’ STATO



Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Leggi anche: Catello Maresca e l’incompetenza della politica

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here