Il DIESEL ridurrà tutto in CENERE?

Pandemia, guerra, gas: lo scacco matto verrà dal diesel?

Ph. motointermedia - pixabay

Pandemia, guerra, gas: lo scacco matto verrà dal diesel?

Il DIESEL ridurrà tutto in CENERE?

ph. Tama66 – pixabay

Il petrolio non è tutto uguale. Non tutti sanno che il diesel può essere prodotto solo da un determinato da un tipo di petrolio. Ad esempio non dallo shale oil americano. Con la diffusione dello shale oil è come se si fosse comprato tempo per abbassare il prezzo del petrolio, cercando di  sostituire il diesel per autovetture con benzina verde. Ma adesso questa tattica sta arrivando a un punto di rottura. 

Calano sempre più le disponibilità dei conventional oil con cui si può ottenere il diesel. Non solo. Le sanzioni in programma sul petrolio russo, l’ural, che consente di ottenere diesel, aggraveranno ancora di più il problema. Il paradosso della divergenza tra petrolio e diesel lo si vede nella bilancia commerciale americana: gli USA sono sia grossi importatori che grossi esportatori di petrolio. Perché una gran parte del petrolio che importano è fatto per miscelare i prodotti raffinati e realizzare il diesel.

# Il diesel è l’elemento chiave della globalizzazione

Ph. Falkenpost – Pixabay

Lo scacco matto sarà il diesel. Che è l’elemento fondamentale che consente la mobilità che è alla base della globalizzazione. Senza gas si possono avere molte cose che continuano a funzionare senza problemi. Ma con il petrolio non si scherza: una volta che esplode il diesel, questo va a incidere su qualunque cosa che debba essere trasportata. Qualunque cosa che deve essere trasportata rischia di non essere più conveniente. 

Se esplode il diesel è la fine della globalizzazione: salta la fonte di energia che consente di avere merci provenienti da tutto il mondo.
La globalizzazione è una rete di funzioni, di trasporti, di connessioni. Una ragnatela che avvolge il mondo 24 ore su 24. 
Se il prezzo del diesel diventa insostenibile sarà la fine del mondo globalizzato perché la globalizzazione si regge sul diesel. 

I camion o le navi che trasportano le merci, ma anche gli scavatori, le ruspe, i mezzi edili, tutto ciò che serve per il lavoro funziona a diesel. Non si può fare andare una nave con idrogeno, a batterie elettriche, ma nemmeno con benzina verde. E le navi sono ciò che portano le merci da una parte all’altra del globo. E per quanto si possano usare treni, non c’è niente che non faccia l’ultimo miglio su camion.

# I segnali che siamo vicini al crack

ph. anaterate – pixabay

L’indicatore chiave per capire che siamo vicini allo strike è il valore del Diesel Crack Spread. I crack spread sul diesel indicano il prezzo del diesel e ultimamente stanno esplodendo. Nell’ultimo periodo è come se avessimo un prezzo del diesel già a duecento dollari, se si comprassero barili solo di diesel.

Che cosa succederà se il diesel supererà il valore di rottura? La cosa più probabile è che si scatenerà una tempesta che come spesso accade rappresenterà una distrazione di massa: avrà luogo un armageddon finanziario che coprirà il reale problema. Un armageddon che già si sta delineando, come mostra il rialzo dei tassi di interessi: il BTP paga ora il 5% quando in passato pagava lo 0,7%. Insostenibile. Si rischia di arrivare a pagare oltre 200 miliardi di interessi quando prima se ne pagavano meno di 50.

E questo sta accadendo non solo in Italia. Tutti gli Stati stanno iniettando valuta per sostenere artificialmente la loro economia, i debiti pubblici stanno raggiungendo cifre record, così come i titoli di stato prossimi al limite di junk bonds, titoli spazzatura.

Un mondo che ha sostituito la produzione di ricchezza reale con una ricchezza finanziaria cercherà di coprire con un problema finanziario un problema reale, di carenza di materie prime a basso costo.
Ma se, in questo modo, si blocca l’economia mondiale, si riuscirà solo a guadagnare alcuni mesi. Perché la tempesta finanziaria può essere temporanea, non la carenza di diesel a basso prezzo per sostenere la globalizzazione. A quel punto, l’unica alternativa alla miseria sarà una sola: la frammentazione. 

Leggi anche: Bank of England e governo tedesco: scacco matto agli Stati?

LA FENICE

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizio