Il re senza corona

Sovranità è un concetto più ampio del diritto di voto: il sovrano non era chi votava ma chi in modo permanente esercitava il potere.

Maria Antonietta. Fonte: https://nonciclopedia.org/

Prima della Rivoluzione Francese gli scontri sulla scarsità del pane portarono il popolo all’esasperazione. Le rivolte di piazza per accaparrarsi quello che c’era nei forni si dice che portarono Maria Antonietta a dichiarare che se mancava il pane potevano mangiare le brioche.
Questa espressione è diventata simbolo dell’incapacità del potere di comprendere i disagi del popolo.

Ancor più colpevole è il potere che non capisce il malessere dei cittadini in un sistema democratico. L’articolo 1 della Costituzione italiana recita inequivocabilmente che la sovranità è del popolo. Significa che Governo e Parlamento sono dei delegati del popolo.


In questi ultimi tempi, con la protesta nelle piazze e sui mezzi di comunicazione più spontanei, sta emergendo un movimento popolare che si oppone al clima reazionario e autoritario, fatto di autorizzazioni imposte dal governo su attività che dovrebbero essere sempre liberamente consentite e che pongono l’Italia in una condizione di estremismo dispotico rispetto alle altre democrazie occidentali.  

Invece di porsi con umiltà a cercare di comprendere queste istanze che vengono rivolte in modo trasversale da ogni parte geografica e settoriale, il governo, i politici e i media a loro prossimi trattano con disprezzo qualsiasi azione di protesta popolare.
Tutto ciò che è espressione del popolo e che si riallaccia alla sovranità popolare viene considerato dal potere in Italia in maniera denigratoria

Chi governa tende a ridurre la sovranità popolare semplicemente al momento del voto, arrogandosi poteri illimitati tra una scadenza elettorale e quella successiva. Ma sovranità è un concetto più ampio del diritto di voto: il sovrano non era chi votava ma chi in modo permanente esercitava il potere.



Quindi il popolo è fonte, controllo e il soggetto abilitato, in quanto sovrano, anche a togliere il potere ai suoi delegati, nel caso in cui non siano in grado di esercitarlo nell’interesse dei cittadini.

Continua la lettura con: L’alba di una nuova umanità?

MILANO CITTA’ STATO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: “La politica cambi visione sui concetti di discarica e rifiuto”

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.