Il prezzo della vita non vissuta

È uscito un pezzo di Alessandro Baricco (Mai più) in cui scrive che insieme ai morti della pandemia bisognerebbe calcolare anche le vite non vissute

Credits: lifegate.it

È uscito un pezzo di Alessandro Baricco (Mai più) in cui scrive che insieme ai morti della pandemia bisognerebbe calcolare anche le vite non vissute. E sostiene che questo approccio orientato alla sicurezza come ossessione stabilita da un’autorità suprema è figlio del novecento, della stessa cultura da cui sono nati i totalitarismi come comunismo e nazismo. Invece questa crisi sta dimostrando che la nostra epoca ha bisogno di un approccio diverso nella politica e nel senso della vita di una comunità. Come potrebbe essere questo approccio?

Innanzitutto bisogna uscire dalla dimensione quantitativa, tipica delle società di massa, per cui la persona si riduce a un numero e tutto viene misurato come numeri. Se cala il numero di morti allora la gente vive meglio, ma questo sillogismo non ha senso. Così come focalizzarsi sulla durata della vita invece che sulla qualità dell’esistenza.
Anche il fatto di non aver consentito ai malati Covid di concludere i propri giorni senza avere accanto i loro cari è stato una barbarie incredibile.


Lo stesso per l’economia. Alla logica del profitto e della crescita delle ricchezza bisogna integrare quella del valore creato e condiviso. Non a caso nei paesi scandinavi dove la qualità della vita è un imperativo le misure intraprese dai governi sono state più incentrate sul benessere quotidiano che sul dogma del rischio zero.

Forse la vera malattia che il virus ha messo in luce è quella del rapporto che nella nostra società le persone e la politica hanno con la vita umana. E la grande sfida che ci attende sarà la salvaguardia delle libertà individuali come unica via per consentire che ogni vita sia vissuta in modo unico e pieno.
Perchè il vero tema nella società odierna è di riuscire a inserire più vita nella vita invece che inaridirla riducendola a una omologazione statistica.

Continua la lettura con: la stupidità umana ci salverà dalla stupidità umana

MILANO CITTA’ STATO