Gli insozzatori del nido

La parola più spregiativa in tedesco è Nestbeschmutzer: l'insozzatore del nido

l’insozzatore del nido”

La parola più spregiativa in tedesco è Nestbeschmutzer: l’insozzatore del nido. E’ il modo in cui si definisce la persona che denigra il luogo in cui vive, la propria comunità. 

In Germania è difficile che i media diano spazio a “insozzatori del nido”, vedere notizie che infangano il popolo tedesco. Non ci sono programmi Popolari di accusa tipo Le Iene, Striscia La notizia o i molti altri sui nostri canali che danno spazio alle componenti peggiori della società. 
Da noi è l’opposto. In particolare ancora più aggravato dall’ideologia politica. E questo riguarda anche Milano che in questo sembra rinnegare la sua mentalità distintiva e le influenze asburgiche e del sacro romano impero germanico. 


Un esempio è quello che ci è accaduto ieri. Abbiamo pubblicato un “pensiero del giorno” che dice una banalità. Ossia che l’Italia è molto diversa al suo interno, che ogni luogo ha le sue eccellenze, e che Milano è la migliore nell’organizzazione e nella gestione finanziaria. 
Mentre invece Roma, fantastica città con un grande passato e grandissimi pregi, certo non eccelle né in organizzazione né in gestione finanziaria. 
Una banalità che conoscono anche gli eschimesi. 

Sulla base di questo abbiamo detto che a nostro avviso il recovery fund andrebbe gestito da Milano. Una soluzione che probabilmente eviterebbe gran parte di quello che sta accadendo, ossia pressapochismo e clientelismo nella redazione di un progetto che già fa acqua da tutte le parti. 

Una banalità che ha ricevuto tantissime critiche. Non da romani consapevoli della questione ma soprattutto da milanesi. Che invece di sostenere questa tesi non solo per logica ma anche per spirito di comunità, ci hanno invece attaccato spostando la questione sul piano ideologico. Attaccando cioè chi la Regione, chi il Sindaco, sulla base della propria appartenenza partitica. E in nome di questo gettando fango su Milano addirittura negando questa eccellenza di Milano, un’evidenza che tutto il resto del mondo ci riconosce. 



Pur di avallare la loro appartenenza partitica, hanno spostato la questione sul fatto che a Milano si ruba. Anche ammesso che a Milano ci sia la stessa percentuale di furbi o di disonesti che si trovano in altre parti d’Italia, non si capisce la questione che a Milano si è più bravi a fare impresa e a gestire i soldi. Pur di infangare la propria città si nega che l’eccellenza finanziaria di Milano sia un dato di fatto e che in più sia una risorsa per il Paese, non non motivo di sdegno. 
Forse non è un caso che la parola insozzatore di fango esiste ed è così importante in Germania mentre da noi non c’è traccia. 

Continua la lettura con: Il recovery fund va gestito da Milano

MILANo CITTA’