Gli amici ritrovati

L'amico ritrovato

L’Amico Ritrovato è un celebre romanzo di Uhlman. Narra la storia di due compagni di scuola, uno ebreo l’altro di famiglia con simpatie naziste, grandi amici nella Germania degli anni trenta ma che per le discriminazioni razziali sono costretti a separarsi e a prendere due strade diverse.

La strada del protagonista lo porta a mettersi in salvo negli Stati Uniti.
Dopo decenni scopre che l’amico di un tempo era stato giustiziato durante la guerra per aver partecipato a un attentato contro Hitler. Capisce così che la loro amicizia non ha mai avuto fine.


Il libro mette l’accento sul tema dell’amicizia che è in grado di trascendere le posizioni ideologiche e che, se accomunata dagli stessi valori di fondo, può sopravvivere alle divisioni delle mode o delle fedi del momento.

Anche senza scomodare paragoni con quell’epoca, è indubbio che viviamo una profonda frattura sociale tra posizioni opposte e apparentemente incompatibili.
L’auspicio è che pur possedendo punti di vista molto diversi su un tema contingente anche se ora dominante, si possa mantenere un rispetto e una condivisione di valori più profondi.

Quei valori che, passata questa bufera, potranno farci ritrovare amici al di là dei condizionamenti della società e del sentimento del momento.



Continua la lettura con: Superbia, ultima fermata

MILANO CITTA’ STATO

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.