🔴 Tamponi, decessi, contagi, letalità: tutti i NUMERI della PANDEMIA in Italia

Tra i grandi paesi europei, l'Italia registra il più alto numero di morti Covid per milione di abitanti

Numeri generali della pandemia

A due anni dal suo divampare nel febbraio 2020, facciamo un quadro aggiornato sui numeri della pandemia in Italia. Vediamo che cosa emerge.

Tamponi, decessi, contagi, letalità: tutti i NUMERI della PANDEMIA in Italia

# Contagi: un italiano su cinque ha contratto il virus

Numeri generali della pandemia

Da febbraio 2020, esattamente 24 mesi dopo il primo caso accertato di positività al Sars-Cov-2, sono questi i numeri aggiornati della pandemia:


  • il numero di persone che sono risultate positive in Italia ha superato gli 11 milioni e 230 mila: questo significa che il 20%, ossia un italiano su 5, è stato infettato dal virus;
  • di questo numero, 8,6 milioni sono le persone guarite 2,4 milioni gli attualmente positivi;
  • il totale di persone testate sfiora i 49 milioni.

# Tasso di mortalità allo 0,25%, tasso di letalità all’1,3%

Vediamo ora i tassi di incidenza dei decessi sulla popolazione:

  • i decessi sono 147.320, pari all’1,3% del totale degli infettati ufficiali (tasso di letalità);
  • il tasso di mortalità, numero di decessi sul totale della popolazione, è dello 0,25%
  • Tra i grandi paesi europei, l’Italia registra il più alto numero di morti Covid per milione di abitanti (2,45), davanti a UK (2,30), Russia (2,28), Francia (2,01), Spagna (2,01), Svezia (1,5), Germania (1,41) e Olanda (1,24).

Analizzando il tasso di letalità per fasce d’età, l’ultimo dato disponibile si riferisce in questo caso al 26 gennaio, come ultimo report dell’ISS, non ha registrato significative variazioni dall’inizio della pandemia.

Tasso di letalità Iss-Il Sole 24ore

Nelle fasce d’età tra 0 e 49 anni il tasso di letalità, rapporto tra decessi e positivi, è dello 0,1%: significa che in questa fascia si registra un decesso ogni mille infettati.  



Nella fascia 50-59 si sale allo 0,3%, quindi tre decessi ogni mille infettati
Nella fascia 60-69 anni è all’1,70%, quasi due decessi ogni cento infettati.
Il tasso cresce più sensibilmente nella fascia d’età compresa tra i 70-79 con il 6,1%, a seguire quella 80-89 con il 15% e oltre i 90 anni al 22,9%, quindi oltre un decesso ogni cinque infettati.

# I tamponi effettuati hanno superato la quota di 172 milioni per un costo stimato di 5,55 miliardi

Stima costo tamponi

Il tampone è lo strumento utilizzato per rilevare i contagi e monitorare la pandemia del virus Sars-cov-2. Alla data del 2 febbraio ne risultano eseguiti 172.843.235, per una media giornaliera vicina al milione con un costo stimato di circa 19 milioni.

Facendo una stima complessiva del costo di ogni tampone effettuato, molecolare e antigenico, si arriva alla cifra di 5,55 miliardi di euro. Per fare un riferimento con una delle iniziative di potenziamento sanitario ipotizzate, la cifra spesa per i tamponi equivale a oltre 55 mila nuovi posti di terapia intensiva, più di 5 volte di posti letti in più rispetto agli attuali.

# Oltre 129,5 milioni di dosi di vaccino somministrate, 49 milioni di italiani hanno ricevuto almeno un’iniezione

Campagna vaccinale alla data del 4 febbraio 2022

La campagna vaccinale, che ha preso il via ufficialmente a fine dicembre 2020, ma a livello massivo solo da gennaio 2021 registra ad oggi i seguenti dati:

  • le persone con almeno una dose ricevuta sono 49 milioni, circa il 91% della popolazione over 12, inserendo l’Italia tra i paesi con il maggior tasso di vaccinazione al mondo;
  • la vaccinazione completa è stata effettuata da 47,5 milioni di persone, quindi l’88% della popolazione over 12;
  • infine la dose booster è stata somministrata all’80% dei cittadini con vaccinazione completa, poco più di 34,4 milioni;
  • nella fascia 5-11 è stato vaccinato il 33% della popolazione.

Continua la lettura con: Il NUOVO TREND per le VACANZE in Europa? Meglio la LIBERTÀ SCANDINAVA che le restrizioni mediterranee

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedentePer un mese Milano diventa la CAPITALE dei GATTI
Articolo successivoTorna alla luce il MERCATO all’ISOLA
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.