🛑 Spagna: LOCKDOWN dichiarato INCOSTITUZIONALE. Non si potrà MAI più fare

La sentenza definitiva: "Il lockdown ANNULLA i diritti fondamentali dei cittadini"


La Corte costituzionale spagnola, mercoledì 14 luglio, ha annullato per sempre la possibilità di un nuovo lockdown della popolazione perché considerato incostituzionale.

Spagna: LOCKDOWN dichiarato INCOSTITUZIONALE. Non si potrà MAI più fare

# Con 5 voti su 6 i Giudici hanno dichiarato incostituzionale il lockdown

credits: amnotizie.it

Le misure di restrizione della popolazione approvate a marzo dell’anno scorso, ai primi accenni della pandemia, non sono più ritenute valide. Mercoledì 14 è arrivato il verdetto dalla Corte costituzionale spagnola: con 5 voti su 6 i giudici dell’Alta Corte hanno dichiarato incostituzionale il lockdown. Annullati, quindi, gli articoli 1, 3 e 5 dell’articolo 7 del decreto accordato dal Governo il 14 marzo 2020.


# Gli articoli soppressi: non più limiti alla circolazione di persone e veicoli

La notizia sulla prima pagina di El Pais

L’articolo 1 regolava il confinamento e restringeva il movimento dei cittadini, dando la possibilità di circolare solo per le vie e gli spazi pubblici della propria città per attività essenziali, quali recarsi sul luogo di lavoro, fare la spesa, andare dal medico e assistere a familiari malati. L’articolo 3, invece, limitava la circolazione dei veicoli per le stesse ragioni sopracitate, e infine l’articolo 5 autorizzava il Ministero degli Interni a chiudere le strade, o alcuni tratti, per motivi di salute pubblica.

# “Il lockdown ANNULLA i diritti fondamentali dei cittadini”

Come riporta El Pais, la Corte Costituzionale ha concluso che il Governo avrebbe dovuto dichiarare uno stato d’eccezione, il quale necessita prima del consenso del Parlamento. La decisione arriva dopo due sentenze del giudice in cui si è discusso la sentenza sullo “stato di allarme” descritto dal magistrato Pedro González Trevijano. Il giudice ha dichiarato che le misure previste dal lockdown nazionale non solo limitano i diritti fondamentali delle persone per quanto riguarda la circolazione, ma addirittura li annullano.

# Bisogna adattare le misure di sicurezza

Credits: Blavatnik School of Government, University of Oxford / FT – Oxford Covid-19 government response stringency index

Nel dibattito si chiede che le misure di sicurezza vengano proporzionate sulla base del rischio sanitario esistente e che siano simili alle misure adottate dagli altri Paesi colpiti dalla pandemia 



Continua a leggere con: 🛑 ELEZIONI a MADRID: STRAVINCE la leader ANTI LOCKDOWN

SELENE MANGIAROTTI

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Leggi anche: Matteo Berrettini è già nella storia del tennis italiano. La vittoria a Wimbledon? E’ solo rimandata

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.