🛑 Ritorno in ZONA GIALLA? Le DUE IPOTESI per la RIAPERTURA di bar e ristoranti

Queste dovrebbero essere le settimane delle aperture

Credits: @spritznaviglimilano Bar Navigli

Ci si è rassegnati al fatto di non poter tornare in zona gialla, dopo che il governo Draghi ha emanato l’ultimo decreto cancellandola fino al 30 aprile, tanto che la zona arancione in Lombardia da lunedì 12 aprile sembra già una grande conquista. Tuttavia, si era ribadito che qualora si fosse assistito ad un netto miglioramento, non sarebbero stati esclusi altri provvedimenti nei giorni precedenti la fine del mese. D’altronde il governo Draghi ha ribadito che queste sarebbero state settimane di aperture e questo lascia ben sperare.

🛑 Ritorno in ZONA GIALLA? Le DUE IPOTESI per la RIAPERTURA di bar e ristoranti

# Le possibili aperture

Credits: modalitademonde.com
Bar

Si parla di aperture e di un ritorno alla normalità, anche se a piccoli step, da un po’ di tempo, ma il problema resta sempre la data. Il comitato tecnico scientifico ha iniziato ad avanzare la richiesta dell’apertura di musei, cinema e teatri, chiusi ormai da troppo tempo. Dopo averli illusi di una possibile apertura il 27 marzo, questi chiedono anche la possibilità di avere una capienza maggiore (da 200 a 400 persone al chiuso e da 400 a 1000 all’aperto). Ovviamente si parla molto anche di bar e ristoranti che sono sempre penalizzati. La proposta è quella dei ristoranti aperti anche la sera nelle zone gialle e a pranzo in quelle arancioni, con prenotazione obbligatoria. Molto probabilmente però il protocollo non verrà accettato, considerando che era stato già proposto a gennaio e si era in un momento più “tranquillo”, tanto da aver fatto febbraio in zona gialla.


# Il problema resta la data

Credits: lavoroediritti.com
calendario

L’obiettivo è quello di tornare alla normalità dopo mesi di divieti e regole e non si vuole far aspettare ancora molto per questo. Se alcuni parlano del 20 aprile, gli altri più prudenti non vogliono comunque andare oltre maggio. Per tornare a riaprire gli obiettivi da raggiungere sono 2: Rt a 0,8 e la prima dose di vaccino somministrata al 75% degli over 70.

# Le due ipotesi: 20 aprile o inizio maggio

Due sono quindi le possibili ipotesi di riapertura, ma intanto il premier Draghi ha incaricato il Cts di scrivere i protocolli. Le regole per i locali restano bene o male le stesse: personale con mascherina, tavoli distanziati, un massimo di 4 persone al tavolo e il privilegiare gli spazi all’aperto. Avanza anche l’obbligo di prenotazione e si consiglia di far pagare al tavolo con carte di credito. In generale però si ipotizza o di ripristinare la zona gialla in tutta Italia a maggio e valutare poi quando allungare il coprifuoco. Oppure anticipare queste misure di una settimana solo se diminuiscono i casi settimanali.

Non ci resta che aspettare una settimana e vedere.



Fonti: milanotoday.it

Continua la lettura con: 🛑 UK: “Basta LOCKDOWN, tratteremo il Covid come un’INFLUENZA”

BEATRICE BARAZZETTI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.