La mappa della RICCHEZZA di Milano: il quartiere più ricco d’Italia e quelli più poveri della città

I cinque quartieri più ricchi e quelli più poveri di Milano

Credits Youtrend - Mappa redditti Milano

Incrociando i dati delle dichiarazioni dei redditi del 2020 e i codici di avviamento postale il sito YouTrend, specializzato in sondaggi, analisi e statistiche, ha creato la mappa della ricchezza di Milano. Vediamo il quartiere più ricco e come sono distribuiti i redditi delle altre zone della città.

La mappa della RICCHEZZA di Milano: il quartiere più ricco d’Italia e quelli più poveri della città

# Il redditometro di Milano premia il CAP 20121: oltre 88.000 di reddito pro capite

Credits: guesthero.com

Youtrend, portale specializzato in sondaggi, analisi e statistiche, ha utilizzato le dichiarazioni dei redditi del 2020 e i codici di avviamento postale, forniti per la prima ministero dell’Economia e delle Finanze, per realizzare la mappa che fotografa la distribuzione della ricchezza di Milano.


Suddivisa per macro-aree metropolitane, l’analisi mostra gli imponibili del 2019 ed è frazionata anche in cinque fasce di reddito. Da questa mappa risulta che il Cap 20121 è il macro-quartiere con il reddito imponibile medio più alto della Città Metropolitana di Milano e dell’Italia: tra Brera, San Marco e Castello si superano gli 88.000 euro pro capite

# I quartieri più ricchi di Milano

Credits corriere.milano.it – Redditi cap Milano

#1 Il centro città, come era facile prevedere, è la zona più ricca. Qui il 16% dei cittadini  dichiara un reddito maggiore di 120 mila euro. L’area di Brera, San Marco e Castello si pone addirittura come il quartiere più ricco d’Italia. 

#2 Cap 20145, di Sempione e Citylife, il reddito medio pro capite è di 71.000 euro e il 14 supera i 120 mila euro;



#3 Cap 20123, quello di Cordusio, Carrobbio, San Vittore e Magenta, la media reddituale è di 67.000 euro con il 13 per cento di redditi oltre i 100mila euro;

#4 Cap 20122, che comprende Ticinese, l’area intorno a San Babila e i quartieri adiacenti ai giardini della Guastalla, si arriva a 57.000 euro pro capite;

#5 infine nei Cap 20149, 20144, 20129 e 20124 da Portello, Lotto e Fiera, a Porta Genova e Washington fino a viale Abruzzi e Gae Aulenti i redditi medi oscillano tra i 49.000 e i 44.000 euro.

# Nelle zone semi-centrali le fasce di reddito sono comprese tra i 29 i 42.000 euro

Credits Youtrend – Mappa redditti Milano

Più si esce fuori dal centro e più i redditi scendono. Nelle zone semicentrali i redditi variano tra i 29.000 e i 42.000. Si parte dal Cap 20135, Porta Romana e viale Umbria, con una media attorno ai 40.000, poi il Cap 20133, che comprende Città Studi e i quartieri fra il Politecnico e Forlanini, dove viene rispettata la media cittadina di 32.000 euro pro capite. Nella fascia reddituale tra i 26.000 e i 29.000 euro troviamo i Cap 20134 e 20137 con Calvairate e Ortica nella zona orientale della città, il Cap 20141 da Vigentino fino a Quintosole , il Cap 20151 di Trenno e Lampugnano e infine i Cap 20125 e 20126 di Maggiolina e Bicocca.

# Nelle periferie i quartieri più poveri della città. A Quarto Oggiaro, Stephenson, Roserio si scende sotto i 18.000 euro di reddito pro capite

Credits: clubmilano.net – Quarto Oggiaro

Nelle periferie ci sono sono i quartieri più poveri della città. Nel Cap 20157, che include Quarto Oggiaro, Stephenson, Roserio per arrivare ai margini dell’area Expo, vivono i cittadini meno abbienti con redditi inferiori ai 18.000 euro. Nelle altre fasce troviamo:

  • Corvetto, Rogoredo e Santa Giulia, Niguarda, il quartiere Adriano fino a Primaticcio e Baggio con una media di reddito pro capite compresa tra i 22 e i 26.000 euro
  • Gratosoglio, Boffalora e Barona, Muggiano, i quartieri sopra piazzale Loreto di NoLo, Turro, Crescenzago, Cimiano e Cascina Gobba, Villapizzone, l’area del Cimitero Maggiore, Dergano, Affori e Comasina si posizionano tutti attorno ai 22.000 euro.

Continua a leggere con: VIVERE con POCHI EURO in CENTRO a Milano

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.