🛑 Inaugura l’ARENA MILANO EST nel vecchio MARTINITT: sarà la REGINA dell’ESTATE?

Nella storica sede dei Martinitt inaugura il 10 giugno. Questo il programma dell'estate

Credits: teatro.it

Nella storica sede dei Martinitt inaugura il 10 giugno la nuova stagione dell’Arena Milano Est. Questo il programma dell’estate.

Inaugura l’ARENA MILANO EST nel vecchio MARTINITT: sarà la REGINA dell’ESTATE?

Credits: milanoevents.it

# “Tutti (non più) a casa”

Nella storica sede dei Martinitt la sera del 10 giugno inizia la nuova stagione che si annuncia ricca di spettacoli e sorprese. Francesco Lancia e Francesco De Carlo,  due raffinati conduttori con molti anni di gavetta ed esperienza alle spalle oltre che una laurea in tasca, condurranno in presenza di pubblico una serata di “Tutti a casa”, fortunata trasmissione in streaming che ha tenuto compagnia con ospiti del mondo della cultura, scienza e spettacolo.

Pur con una disponibilità di posti ridotta rispetto alla capienza massima, 400 posti anziché gli 800 totali, i due conduttori sapranno divertire e far dimenticare i mesi vissuti all’insegna del distanziamento e del tutto tramite video e telefono. Una grande festa per celebrare l’inizio di una stagione.


Un nutrito programma di cinema, musica e live show

Il cartellone prevede molti spettacoli che dal 10 giugno al 9 settembre terranno compagnia in attesa della prossima stagione teatrale. Musica, stand-up comedy, cultura e tante risate con comici famosi oltre che gli europei di calcio che tutti si augurano di poter seguire fino alla fine tifando i nostri colori. Anche una selezione cinematografica occuperà alcune serate durante le quali la vera protagonista sarà la ritrovata presenza in un teatro che nel 2022 compirà 90 anni. Nato per allietare gli orfanelli e i meno fortunati che venivano accolti nella struttura di via Pitteri, dal 2010 il Teatro Martinitt è stato recuperato diventando un teatro per tutti.

I Martinitt, un pezzo di Milano

E’ giusto spendere qualche parola in favore dei Martinitt che dal sedicesimo secolo sono sinonimo di bimbi meno fortunati. Nei secoli hanno saputo ritagliarsi un posto importante nella storia di Milano e non solo, da eroi delle cinque giornate milanesi a imprenditori di successo quali Angelo Rizzoli, fondatore dell’impero della carta stampata a Leonardo del Vecchio fondatore di Luxottica, a Edoardo Bianchi al quale dobbiamo l’omonima fabbrica di biciclette, moto ed auto.

Le caratteristiche della nuova Arena

Tornando all’Arena Milano Est non possiamo non citare i murales che abbelliscono la struttura con i volti di molti personaggi che hanno onorato la cultura milanese, la possibilità di avere posti all’aperto e al chiuso, la presenza di angoli di street food che sfameranno, non solo con la cultura, tutti i presenti, che Leonardo Manera, Germano Lanzoni e Debora Villa saranno solo alcuni dei nomi che avranno i palco a disposizione.
 

Le perle del cartellone

Prezzi popolari, possibilità di abbonamenti per un ulteriore risparmio, Godblesscomputers e Angelica, due nomi di spicco delle nuove sonorità milanesi, “Nomadland” ed “Il cattivo poeta” e il fischio d’Inizio di Turchia Italia, partita d’esordio della nostra nazionale di calcio agli Europei, sono alcuni dei tanti validi motivi che spingeranno molti a partecipare all’estate teatrale al grido di accorciamoledistanze. Finalmente.
 
 
 

Continua la lettura con: la storia dei Martinitt

ROBERTO BINAGHI 

Leggi anche: IDROSCALO, Sabato 12 Giugno aperitivo GUD e drink a bordo piscina su accredito

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte



Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.

 


Articolo precedenteIl FESTIVAL dei QUARTIERI: i tre dove non mancare a giugno
Articolo successivoLa MILANO del FUTURO: i progetti degli STUDENTI
Roberto Binaghi
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here