Due nuove “TRE TORTE” sono di Milano: le tre PASTICCERIE PREMIATE

Scopriamo quali hanno ricevuto il celebre premio del Gambero Rosso

Credits martesanamilano IG - Pasticceria Martesana

Nell’undicesima edizione della guida Pasticceri & Pasticcerie ci sono 30 new entry, di cui 3 “Tre Torte”, due delle quali sono di Milano. Scopriamo quali sono.

Due nuove “TRE TORTE” sono di Milano: le tre PASTICCERIE PREMIATE

# L’undicesima edizione della guida Pasticceri & Pasticcerie premia Milano

Guida Pasticceri e Pasticcerie Gambero Rosso

Milano non è solo da città di risotto e ossobuco, di cotoletta e cassoeula. Sotto la madonnina scorrono fiumi di ambrosia, cibo o nettare degli dèi, cantata nei poemi omerici. E gli ofelè (pastry chef, sic!) meneghini la sanno lavorare, adattare, impiegare alla perfezione per elaborare i loro dolci.


Oltre che dai milanesi, i lievitati e le torte sono anche molto apprezzati dagli ispettori Gambero Rosso. Nell’undicesima edizione della guida Pasticceri & Pasticcerie infatti ci sono 30 new entry, di cui 3 “Tre Torte” (massimo riconoscimento dato dalla guida), due delle quali sono di Milano. 

#1 La storica pasticceria Martesana

Pasticceria Martesana

Agguanta il massimo del punteggio la storica pasticceria Martesana, «Questo riconoscimento è di tutto il team Martesana ed è frutto di innumerevoli anni di lavoro fianco a fianco, di quella ricerca e della passione che animano ogni giorno i nostri pastry chef, ma anche tutte le persone che lavorano con noi nei quattro punti vendita della città (via Cagliero, via Paolo Sarpi, piazza Sant’Agostino e Mercato Centrale, ndr) e nei nostri uffici», ha commentato Vincenzo Santoro, patron della Martesana al Corriere della Sera. Fondata nel 1966 Martesana è diventata Bottega storica di Milano nel 2016: nella sua storia ha creato 300 diverse tipologie di dolci dai più tradizionali ai più moderni e ha vinto ben 11 premi internazionali.

 



Indirizzo storico: Via Cagliero, 14

#2 La pasticceria Alessandro Servida in Porta Venezia

Credits lillozarri IG – Pasticceria Servida

Seconda new entry nelle “Tre Torte”, è la pasticceria Alessandro Servida, in viale Piave 9, zona Porta Venezia. Dopo il locale di Pantigliate i coniugi Alex e Donatella hanno aperto il secondo in centro città nel 2018.

Figlio d’arte, Servida, eredita il primo laboratorio/negozio che il padre ha aperto nel 1981. Grazie agli studi presso l’Accademia Maestri Pasticceri Italiani e la partecipazione a Best Backery, Alex riesce a far fare il salto di qualità all’azienda di famiglia. La sua pasticceria urban chic è il regno di torte, mignon e monoporzioni. Ma la più celebre è la torta Donatella, realizzata con pan di Spagna al pistacchio, con gelée di lampone e veli di cioccolato.

 

Indirizzo: viale Piave, 9

#3 Pasticceria Besuschio di Abbiategrasso, con sei generazioni di pasticceri

Credits leonessaribelle IG – Pasticceria Besuschio

Oltre alle due nuove entrate nell’olimpo delle tre torte, è stabile al terzo posto di tutte le pasticcerie più votate Besuschio di Abbiategrasso: un po’ fuori dalla circonvalla, ma sempre milanese è! Il locale, gestito da Andrea e Giacomo e forte di una storia lunga 170 anni con sei generazioni di pasticceri, ha anche ricevuto in questa edizione il riconoscimento per la miglior comunicazione digitale, a pari merito con Douce di Genova.

 

Indirizzo: piazza Guglielmo Marconi, 59 – Abbiategrasso (MI)

Continua la lettura con: Le “CHIOCCIOLE” di Milano: le TRATTORIE dove si mangia meglio secondo SLOW FOOD

STEFANO CORRADA

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.