🛑 BALZO di 40 posti in un anno: Milano entra nella TOP 5 in Italia per la la QUALITÀ della VITA

L'anno rivoluzionario per la qualità della vita: grandi cambiamenti al vertice e in coda

Credits Andrea Cherchi - Skyline Milano

Grande balzo in avanti di Milano. Risale nella top 5 figurando al primo posto tra le grandi città, al di sopra del milione di abitanti. Le migliori per la qualità della vita sono tutte al Nord. Vediamo i principali cambiamenti rispetto al 2020.

BALZO di 40 posti in un anno: Milano entra nella TOP 5 in Italia per la la QUALITÀ della VITA

# Milano passa dalla 45esima alla quinta piazza

Credits: @mi_tomorrow
IG

Nella classifica annuale di Italia Oggi sulla qualità della vita, prodotta insieme all’Università La Sapienza di Roma e in collaborazione con Cattolica Assicurazioni, Milano fa un balzo di 40 posizioni passando in un anno dalla 45esima alla quinta piazza. I motivi di questa risalita e dello stravolgimento generale di tutta la graduatoria è da imputare a due motivi: il primo è la maggior resilienza e capacità di ripresa dimostrata dalle grandi città durante la pandemia, rispetto ai centri più piccoli, il secondo è il ridimensionamento del peso dell’indicatore relativo alla popolazione, che comprende tra gli altri le classifiche di densità demografica, emigranti, morti in percentuale e numero medio dei componenti della famiglia, attribuendogli un peso uguale o di poco superiore ad Affari e lavoro, Ambiente, Sicurezza, Salute, Tempo libero e Reddito.


# Parma è la regina della qualità della vita

Credits: @vivoparma
Parma 2021

Davanti a Milano, nei primi quattro posti della classifica troviamo Bologna alla quarta posizione, anche lei in grande crescita rispetto alla 27esima del 2020. Sul gradino più basso del podio c’è Bolzano che passa dall’ottava alla terza, Trento si prende il secondo al posto mentre al primo posto, con un miglioramento di 38 posizioni, si issa Parma

# Vita da incubo a Crotone, Napoli la peggiore tra le città metropolitane 

Credit: @flying_fox_94

Se in generale il rapporto inquadra una qualità della vita “buona” o “accettabile” in 63 province su 107, solo Perugia, Macerata, Ancona, Terni, Ascoli Piceno, Fermo e Grosseto si trovano nella prima metà della classifica per il centro, mentre solo dieci del centro nord si trovano nella metà peggiore. Le cinque peggiori sono tutte città del sud: Crotone occupa l’ultima piazza, segue Napoli che è anche la peggiore tra le città metropolitane, poi Foggia, Siracusa e infine Taranto al quintultimo posto.

# La capitale rimane lontana delle migliori, Torino recupera 45 posizioni

Credits: museicapitolini.org

La capitale arranca nella classifica della qualità della vita, perdendo 4 posizioni dalla 50esima al 54esima, sempre lontana dalle migliori. Solo Napoli fa peggio di lei tra le città metropolitane con il suo penultimo posto, tre gradini più in basso rispetto al 2020.



Tra le performance migliori Firenze sale dalla 31esima alla sesta posizione, Trieste dalla 40esima alla sesta, Torino ne recupera ben 45 passando dalla 64esima alla 19esima. Tra i centri più piccoli si registra un crollo in classifica per Como, L’Aquila, Belluno, Udine, Varese, Rovigo, Prato, Benevento, Fermo, Rieti e Nuoro.

Continua la lettura con: Le 7 CITTÀ più RICCHE d’Italia: Milano è in classifica?

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Leggi anche: “La cultura è lo strumento chiave per uscire dalla pandemia”

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteChe cosa ELIMINERESTI da Milano? Le 10 cose da CANCELLARE
Articolo successivoLe CASE del FUTURO saranno fatte di SALE?
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.