AUTONOMIA DIFFERENZIATA: Il SENATO approva tra le proteste del GATTOPARDO. Ma, in poche parole, che cosa dice la RIFORMA?

Una riforma che porterebbe l'Italia a un assetto moderno, più simile ai migliori Paesi

0

Dopo vent’anni di discussioni, referendum, dichiarazioni bipartisan in cui tutti si dicevano più o meno d’accordo, il Senato approva l’Autonomia differenziata. Una riforma che porterebbe l’Italia a un assetto moderno, più simile non solo a Paesi che si basano sull’autonomia dei territori, come Spagna, Germania o Svizzera, ma anche come quelli più centralisti che stanno spingendo forte sul tasto del decentramento, come Francia o UK. Tutto bene, dunque? Ovviamente no. Perchè siamo o non siamo il paese del Gattopardo, del tutto va male ma lo status quo va difeso sempre?

AUTONOMIA DIFFERENZIATA: Il SENATO approva tra le proteste del GATTOPARDO

# Il voto al Senato nel segno di Costituzione e del voto popolare,

L’Aula ha approvato con 110 sì il ddl per l’attuazione dell’autonomia differenziata. Il testo passa alla Camera per la seconda lettura. Si tratta della legge che di fatto dà attuazione ai principi dell’articolo V della Costituzione che invita ad attuare in Italia “il più ampio decentramento amministrativo”. Non solo: è una legge che segue anche l’espressione della volontà del “popolo sovrano”, almeno dei cittadini delle regioni che si sono espresse sei anni fa in larghissima maggioranza a favore di una maggiore autonomia regionale. Curioso che proprio chi aveva votato a favore dell’articolo V, il centro sinistra, oggi alza le barricate lamentando il rischio di secessione. Ma, in sintesi, che cosa definisce la nuova legge?

# La legge in poche parole: si premia con l’autonomia le regioni più meritevoli, a chi non rispetta gli standard l’autonomia viene tolta

Autonomia differenziata

Il principio della legge è elementare. Le regioni possono decidere di gestire fino a 23 competenze in autonomia dallo Stato che però deve vigilare sul rispetto di un livello minimo delle prestazioni (LEP) per ogni classe di servizio. Se una regione non è in grado di garantire questi standard, perde l’autonomia di gestione nei servizi deficitari. Un principio che tutela i cittadini, spingendo le regioni a garantire servizi migliori e che fa intervenire lo Stato quando questi servizi sono insufficienti. L’autonomia differenziata prevede la possibilità di trattenere parte del gettito fiscale generato sul territorio per il finanziamento dei servizi e delle funzioni di cui si chiede il trasferimento. Si introduce pertanto un principio di responsabilità per le regioni che, finora, potevano agire “indisturbate” nella fornitura dei servizi, senza rischi. Anzi. Il modello di governance esistente tendeva a premiare le regioni più inefficienti, favorendo l’intervento dello Stato a colmare deficit. 

# Un altro passo verso Milano Città Stato

Da segnalare infine che l’articolo 132 della Costituzione consente che i territori con almeno un milione di abitanti possano diventare regione. Un articolo pertanto che consentirebbe a Milano e dintorni di poter diventare una città-stato (o città-regione) con poteri da regione, come accade per le migliori città del Continente, come Londra, Madrid, Vienna, Berlino, Amburgo o le città cantone della Svizzera. 

Continua la lettura: Milano va più veloce di Bologna: no ai 30 all’ora ovunque e più autonomia per la città

ANDREA ZOPPOLATO

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/

 


I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare
Articolo precedenteTRENITALIA punta ai COLLEGAMENTI INTERNAZIONALI: queste le LINEE VELOCI attuali e future da MILANO alle città ESTERE
Articolo successivoUn “IPPOPOTAMO” sulle ALPI
Andrea Zoppolato
Più che in destra e sinistra (categorie ottocentesche) credo nel rispetto della natura e nel diritto-dovere di ogni essere umano di realizzare le sue potenzialità, contribuendo a rendere migliore il mondo di cui fa parte.