Roberto RASIA: “la mia Milano avrà la CLASSE POLITICA DIRIGENTE che si merita”

"Il mio passatempo preferito? Lavorare"

Roberto Rasia dal Polo

Roberto Rasia dal Polo. Genovese, a Milano ha trovato il suo successo da manager. A lungo sembrava il candidato per sfidare Sala ma all’ultimo miglio è stato lasciato da parte per il dottor Bernardo e tutti sanno come è andata a finire. Un liberale autentico che sta cercando di scrollarsi di dosso l’etichetta di candidato abbandonato, di giocatore a cui viene privato il campo da gioco. 

Roberto RASIA: “la mia Milano avrà la CLASSE POLITICA DIRIGENTE che si merita”

Roberto Rasia dal Polo

La cosa che ami di più di Milano?

La sua velocità, è a parer mio la sua caratteristica principale. Viene anche presa a modello per questo, ma anche presa in giro. Le persone sui marciapiedi non camminano, corrono. C’è un perché: è una città iperattiva, una piccola New York italiana, in cui non si viene per fare un solo lavoro. A Milano si viene da fuori per fare più cose.

Credits: allafinediunviaggio.com
andare di fretta Milano

Quella che invece ti piace di meno?

La qualità dell’aria. Non è colpa di Milano però, ma della sua posizione geografica, in una conca padana che non aiuta il ricambio d’aria. I fumi delle caldaie, del trasporto pesante e solo per ultimo del trasporto automobilistico, poi, peggiorano le situazione per i nostri polmoni.


da comeinunbosco.it
da comeinunbosco.it

Il tuo locale preferito?

Refeel in Porta Romana.

Credits: @refeel_milano
Refeel

Il tuo passatempo preferito a Milano?

Lavorare.

La canzone su Milano a cui sei più legato?

Porta Romana di Gaber, è del ’64.



 Il luogo dei dintorni di Milano che ami di più?

Pavia, città di una bellezza nascosta.

Credits: @michelisofi_
Certosa di Pavia

La cosa più bella che ti è capitata a Milano?

Davvero tantissimi ricordi mi legano alla città che mi ha consentito di fare tutto ciò che ho fatto dai 23 anni in poi. Ma il primo ricordo è di quando ancora non ci vivevo, avevo solo 18 anni e venni in treno per un colloquio con il fratello di una signora che abitava a Genova, dove vivevo all’epoca. Non mi disse che suo fratello era uno dei più noti scrittori del secondo ‘900: Umberto Simonetta. Fu un incontro straordinario. Era già malato e non stava bene, ma fu molto gentile con me. Mi regalò alla fine il compendio dei suoi romanzi, dicendomi che era l’unico a cui l’editore aveva già pubblicato una raccolta prima che morisse, lo considerava di buon auspicio. Aveva una ironia inarrivabile.

Umberto Simonetta

 La fermata della metro a cui sei più affezionato (e perché)?

Porta Genova, perché mi riporta in un lampo al 1999 quando arrivai a Milano, lavoravo come stagista a Radio24 e la fermata più vicina era la “verde” Porta Genova.

La cosa più curiosa che hai visto a Milano?

Ho fatto un giro del Duomo guidato da una guida e sono rimasto a bocca aperta di fronte alle migliaia di statue inserite sui 4 lati esterni del Duomo.

La nostra statua della libertà (Duomo di Milano)

Il quartiere che ami di più?

Porta Romana doverosamente. Il primo dove capitai per puro caso 23 anni fa e quello in cui abito tuttora.

Credits: @kiaciof
Murale Porta Romana

Caro Sala ti scrivo… (cosa chiederesti al sindaco per rendere Milano ancora migliore)?

Tante cose, gliene ho anche parlato personalmente. Se dovessi scegliere la prima, la pulizia, per combattere il degrado (oltre che la sicurezza) che è un tema davvero caldo per Milano.

Milano città stato: sei a favore oppure no a che Milano abbia un’autonomia simile a una regione o a una provincia autonoma, come l’hanno le principali città d’Europa?

Mi piace il concetto in generale e in teoria. Sarei curioso, però, di vedere come possa essere realizzato. Non credo la Regione voglia “mollare” alla città alcune sue competenze.

Se dovessi lasciare Milano in quale città ti piacerebbe vivere?

Zoagli, perché tutti vanno a Portofino, ma alle 15 non c’è più il sole, mentre Zoagli guarda Portofino in faccia, c’è sole fino alle 19.30 ed è la scogliera più bella del mondo.

Credits: @ig_genova_
Zoagli

Se avessi due miliardi per Milano che cosa faresti?

Due miliardi di euro? Beh, ci vorrebbe tempo per rispondere, farei una strategia ad hoc e agire. Mi limito ai titoli degli interventi: qualità di vita, qualità dell’aria, sicurezza, Wi-fi gratuito, sistema di trasporto pubblico diverso e servizi per gli anziani.

Un sogno per Milano: qual è il tuo più grande auspicio per il futuro di Milano?

Quello di avere una classe dirigente politica che si merita, non quella che altri decidono che abbia.

Roberto Rasia dal Polo

Continua la lettura con: Tutti i personaggi di #milanomia già pubblicati

Ogni giorno Milano Mia su milanocittastato.it: l’intervista a personaggi innamorati di Milano

MILANO CITTÀ STATO

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.