NIGHTMARE TOUR: 7 luoghi di Milano dove NON GIRARE DI NOTTE

Ci sono parti di Milano dove il coprifuoco esiste quasi da sempre

Alba di fuoco a Ponte Lambro

Ci sono parti di Milano dove il coprifuoco esiste quasi da sempre.

NIGHTMARE TOUR: 7 luoghi di Milano dove NON GIRARE DI NOTTE

#1 Ponte Lambro, l’ex-quartiere ghetto conosciuto fino agli anni ’90 come il supermarket della droga

Credits: Urbanfile

Nella periferia sud-est di Milano, caratterizzata da due immensi gruppi di palazzi di cemento, due galere bianche che si fronteggiano, era il simbolo del degrado della Milano anni Novanta soprannominato “il supermarket della droga”. Negli ultimi anni c’è stato qualche miglioramento, ma l’ex-quartiere ghetto è ancora troppo isolato e senza negozi, rimane ancora un non-luogo nel quale meglio non addentrarsi con il buio.


Stratagemmi per non scendere in strada a Ponte Lambro. Foto Luca Sironi (credit: urbanfile.org)

#2 A Rogoredo: con l’ambo boschetto della droga e stazione dei treni 

Credits: vita.it

Anche se si sta cercando di bonificarlo, il boschetto di Rogoredo resta una delle aree di spaccio di droga più grandi d’Europa. Non solo: anche l’area attorno alla stazione dei treni è ancora mal frequentata. Un lieve miglioramento si è avuto con il ripristino del presidio della polizia di stato, ma tra accattoni e disperati in cerca di una dose non è certo piacevole e sicuro camminare nei paraggi quando si fa sera.

#3 Dintorni di Piazzale Ferrara in Corvetto: teatro di risse e accoltellamenti 

Albero di Natale bruciato in Piazzale Ferrara

Piazzale Ferrara al Corvetto è teatro frequente di accoltellamenti, risse, talvolta omicidi e sui cui affaccia un blocco di case popolari che si allunga su Via Comacchio, noto alle cronache per essere stato per anni quasi completamente occupato in modo abusivo. Il mercato comunale spesso imbrattato, l’albero di Natale della piazza dato alle fiamme. Ora è in atto un tentativo di riqualificazione, prima con l’urbanistica tattica e in futuro con una sistemazione definitiva, ma l’alta concentrazione di extracomunitari nordafricani senza lavoro e persone di etnia rom ne fanno ancora una zona con diffusa criminalità.

 



#4 La “Stretta Bagnera”, tristemente famosa per il primo serial killer italiano

Via Bagnera è la via più stretta di Milano tristemente famosa per essere stata teatro del primo seriale killer italiano, un tale Anotnio Boggia, il quale uccise 4 persone e le nascose in una cantina. Nonostante sia in pieno centro storico, nei pressi di Via Torino, di notte è meglio rimanerne alla larga.

Leggi anche: La Stretta Bagnera: la via più stretta di Milano nasconde un tragico passato

#5 Via Gola, la via di spaccio e rapine vicina al centro città

Credit: ilfoglio.it

Uno cammina serenamente nei Navigli, una delle aree più pettinate di Milano, ma se sbaglia e gira l’angolo errato, si ritrova di colpo nel Bronx dei Guerrieri della Notte. E’ la triste fama di via Gola che assieme ad altre due vie compone un quartiere di case popolari dove un terzo degli appartamenti è occupato abusivamente, a pochi passi del Naviglio Pavese. Qui spaccio di droga, scippi e rapine sono all’ordine del giorno. Smarrirsi mentre si cammina la sera sui Navigli potrebbe rivelarsi fatale.

 

#6 Piazza Prealpi: un tempo centrale di smercio di cocaina e eroina, oggi stretta tra degrado e microcriminalità

Credits: vice.com – Quartiere popolare nei pressi di Piazza Prealpi

Tra gli anni ’70 e ’90 piazza Prealpi era una delle “centrali” di smercio di cocaina e eroina di Milano, con a capo alcune famiglie legate alla ‘ndrangheta. Oggi la situazione è migliorata ma il degrado della case popolari, che da anni aspettano di essere riqualificate, e la microcriminalità, presente come in quasi tutte le periferie, insieme alla mancanza nella zona di luoghi di attrazione, rendono questa piazza uno spazio off limits interessante soprattutto per la cronaca nera. 

 

#7 Quarto Oggiaro, il quartiere simbolo della malavita

Credits: quartieritranquilli.kit

Negli anni settanta e ottanta Quarto Oggiaro era il simbolo di malavita. Tutti i milanesi si tenevano alla larga da questo quartiere che finiva spesso agli onori delle cronache. Estrema periferia nord della città, storicamente si concentrava qui la criminalità organizzata, spaccio di droga e rapine, conseguente al frutto migratorio incontrollato. Da quei tempi la situazione è progressivamente migliorata: alcune vie sono più sicure come la parte centrale di Vialba, che sembra un quartiere della vecchia Milano, con i negozi sotto i portici. Comunque sia, non è certo un quartiere dove passeggiare la notte sereni. 

Continua la lettura con: I 5 QUARTIERI più BELLI di Milano

MILANO CITTA’ STATO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.  


2 COMMENTI

  1. Un articolo che non avrei mai creduto di leggere in questo sito: totalmente avulso dalla realtà.
    Davvero, non no parole.

    • Le trovo io le parole, costringendomi a essere il più possibile gentile: questo articolo è un’ignobile, disgustosa montagna di m3rda!

Comments are closed.