I QUARTIERI DORMITORIO di Milano

Perfetti per dormire. Per tutto il resto meglio andare altrove

1
Credits progettimmobilimilano IG - Gallaratese

Perfetti per dormire. Per tutto il resto meglio andare altrove. 

I QUARTIERI DORMITORIO di Milano

# Gallaratese, zero svago

Credits progettimmobilimilano IG – Gallaratese

Ci troviamo alla periferia nord ovest della città. Il quartiere Gallaratese, costruito negli anni ’60 e ’70, è prevalentemente residenziale e tra i più grandi costruiti ex novo in Italia. Abitato di circa 80.000 persone, presenta in prevalenza condomini di edilizia popolare. Tra i servizi siamo a livello base: spazi pubblici, qualche scuola, negozi e supermercati. Tralasciando i problemi di degrado e sicurezza, per cercare per svago o lavoro, i residenti si spostano in altre zone. 

# San Siro, il deserto oltre lo stadio

Credits fenice_associazione.noprofit IG – San Siro

Rimaniamo sempre a ovest di Milano, spostandoci un po’ verso sud. Un altro dei quartieri prettamente residenziale, alterna ampie aree verdi ad altre completamente cementificate, strade di varie categorie, villette a condomini, abitazioni popolari a palazzi e ville di prestigio. L’unica vera attrazione è lo stadio, attivo qualche giorno alla settimana per le partite di Inter e Milan, oltre all’Ippodromo. Per tutto il resto serve prendere l’auto o i mezzi pubblici: solo qualche negozio, soprattutto lungo via Novara, l’Esselunga, l’ospedale San Carlo. Niente che possa intrattenere i residenti che non siano appassionati di calcio e corse di cavalli.

# Maggiolina, bella e impossibile

quartieri più strani
Maggiolina

Un quartiere bomboniera, ricco di villette e case a schiera, gli ampi spazi verdi della Maggiolina fanno di questo quartiere il primo esempio di città-giardino in Italia. Tra i diversi stili architettonici della zona spiccano quello Vittoriano, neo-medievale e gotico. L’edificio più riconoscibile è la Palafitta, nome vintage di Villa Figini e, soprattutto, le case Igloo di via Lepanto, delle anticonformiste creazioni d’architettura. Un quartiere perfetto per riposarsi e allontanarsi dal caos milanese pur restando in città ma nulla più, visto che si contano sulle dita di una mano i negozi di prima necessità per non parlare dei locali dove fare serata. Metro e auto rappresentano una vera e propria forma di sopravvivenza per chi vive nel quartiere. 

Leggi anche: I VILLAGGI NASCOSTI di Milano

I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare

# Milano Tre, anche i ricchi piangono

Credits: comprensoriomilanotre.it – Residenza Milano Tre

Spostiamoci a Milano Tre. Non siamo più dentro i confini di Milano ma può benissimo essere compreso tra i quartieri dormitorio della città. Costruito tra il 1980 e il 1991 dalla società Edilnord Progetti Spa all’interno del Comune di Basiglio nel sud milanese, il comune più ricco d’Italia, e definito come una città “dove si vive immersi nel verde e fuori dal caos cittadino”. Qui sono presenti tutti i servizi alla persona, ma per svago e divertimento i residenti non hanno alcuna scelta: mancano pub, cinema, ristoranti, negozi, teatri, discoteche e qualsiasi forma di intrattenimento. Per questi sono obbligati a spostarsi in città o nel centro di Basiglio. 

Leggi anche: MILANO TRE: ghetto per ricchi o quartiere ideale?

Continua la lettura con: I QUARTIERI più GETTONATI a Milano dove COMPRARE CASA

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedenteJERRI il POLPO e le altre SUPERSTAR dell’ACQUARIO di MILANO
Articolo successivoLa STRADA PANORAMICA più bella (e sconosciuta) d’ITALIA
Fabio Marcomin
Giornalista pubblicista. Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia. Il mio background: informatica, marketing e comunicazione. Curioso delle nuove tecnologie dalle criptovalute all'AI. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.

1 COMMENTO

  1. Penso che lei non sia ben informato e soprattutto faccia riferimento ad un target che non è ancora proprietario di case! Chi ha scelto di vivere nei quartieri menzionati magari l’ha fatto proprio perché NON interessato a pub e discoteche!

La sezione commenti è chiusa.