TANGENTOPOLI: Milano prova a ripulire la politica. Nasce la TERZA REPUBBLICA

Ogni mattina si attendeva dai giornali o dalla tv la superstar del giorno raggiunta dall'avviso di garanzia

Il pool di giudici di Mani Pulite

La politica era cristallizzata da mezzo secolo. Lo stesso partito sempre al governo, l’unica certezza in Italia era che saremmo morti tutti democristiani. Sopra tutto regnava un sistema di malaffare che sembrava l’essenza stessa della politica italiana. Qualcosa da sopportare con una scrollata di spalle, sembrava incrollabile come il muro di Berlino.
Invece il muro è crollato. E a Milano un politico di secondo piano è stato beccato che cercava di buttare nel cesso (letteralmente) dei soldi intascati in una tangente. Era il 17 febbraio 1992. 

E’ stato come se avesse buttato nel cesso insieme ai soldi anche partiti, politici, imprenditori di primo piano dell’Italia di allora.
Si trattava di Mario Chiesa, presidente del Pio Albergo Trivulzio, membro di del PSI milanese. “E’ solo un mariuolo isolato”, un compagno che sbaglia, fu la dichiarazione sprezzante del suo boss, Bettino Craxi, che ancora non poteva immaginare che quel caso isolato sarebbe stato per lui la falce della morte.


Già, forse perché risentito o perché ormai si era arrivati al capolinea di un sistema insostenibile, una volta finito in gattabuia il mariuolo disse ai giudici che altro che isolato!, aveva tutto un mondo intorno che viveva di tangenti. Le rivelazioni di Chiesa scatenarono un effetto domino che travolse tutti i principali protagonisti della politica e dell’imprenditoria di quegli anni. Ogni mattina si attendeva dai giornali o dalla tv la superstar del giorno raggiunta dall’avviso di garanzia. 

Il nome in codice dell’inchiesta era “Mani Pulite” e il pool di giudici capitanati da Di Pietro divennero delle vere e proprie rockstar, sembravano un gruppo di cavalieri senza macchia che provavano a riportare pulizia in un mondo, quello della politica, ridotto a sterco per il livello di corruzione dilagante.

Personaggi che facevano paura si trasformarono in pulcini, ritratti perfino in manette con i rivoli di saliva che strisciavano dalla bocca.
Milano è stata la grande protagonista di quella stagione: Milano era Tangentopoli, certo, dove si era concentrato il malaffare, ma era anche il pool di giudici supportati quei mesi dalla comunità dei cittadini. Ci si sentiva tutti parte di una rivoluzione del bene contro il male e quando il Parlamento provò a mettere il bavaglio all’azione dei giudici con un colpo di spugna, tutta Milano guidò la resistenza della nazione, accerchiando il tribunale a difesa dei giudici e delle inchieste.



Come spesso accade alle rivoluzioni, ci furono anche delle degenerazioni. Ci furono dei suicidi in carcere o prima di essere arrestati, come Raul Gardini, altri videro incenerita la loro carriera. Dalle fiaccolate ordinate di Milano si passò a scene più sguaiate, come l’assalto all’hotel Raphael di Roma con il lancio delle monetine contro Craxi, “prendi anche queste, Bettino, prendi anche queste”. Il leader socialista diventò la vittima sacrificale e dovette andare a morire in Marocco per sottrarsi alla galera. 

Quali furono le conseguenze politiche della rivoluzione dei giudici?
Venne modificato il sistema elettorale, passando dal proporzionale all’uninominale secco che sembrava più trasparente nel garantire la separazione tra chi governa e chi sta all’opposizione. Una nuova forza, creata da Silvio Berlusconi, entrò di slancio sulla scena conquistando il governo della nazione, malgrado lui fosse stato grande amico nonché il braccio imprenditoriale proprio di Bettino Craxi.

Anche il giudizio storico è cambiato nel corso del tempo. Quella che sembrava inizialmente come lotta del bene contro il male ha assunto tinte più fosche, alla luce di quello che accadde in seguito.
Il sistema uninominale è stato via via corretto per recuperare i vantaggi clientelari del proporzionale. Il giudice Di Pietro si liberò della toga per provare a diventare leader politico, ma finendo sommerso dai gorghi del potere romano. I partiti che erano stati disintegrati dall’inchiesta si sono ricostituiti cambiando nome ma con le stesse fattezze di prima, come i Mister Smith di Matrix.
Per il resto, sotto il pomposo maquillage di “Terza Repubblica”, l’intero sistema giudiziario, partitico, clientelare di prima è rimasto lo stesso.
E il malaffare si è fatto più scaltro, nascondendo meglio il giro di tangenti che negli anni Ottanta era di pubblico dominio come un dépliant di Postal Market.

A distanza di trent’anni si può dire che il muro di Berlino è crollato, ma quello della partitocrazia italiana si è ricompatto. Sulla sua superficie invece dei murales rievocativi di quegli anni è rimasta una cicatrice e una scritta: “Se vogliamo che tutto rimanga com’è, bisogna che tutto cambi”.

#milanograffiti

Continua la lettura con: Quando a Milano c’erano scuole di soli maschi (o di sole femmine)

ANDREA ZOPPOLATO

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/