Quando a Milano c’erano SCUOLE solo per MASCHI (o solo per FEMMINE)

Nell'epoca del gender fluid è difficile immaginare la Milano che aveva ancora scuole di genere


Hai presente il film Compagni di Scuola di Verdone? Un gruppo di ex compagni di classe si ritrova dopo molti anni per festeggiare l’anniversario della maturità. Coppie scoppiate, amori infranti, chi non era degno di uno sguardo è diventato ricco di fascino e poi amanti, storie nascoste, insieme a scene di ordinaria disperazione. In breve, un casino. Qui si parla di tutt’altro. Delle feste degli ex compagni di classe in cui le mogli possono stare tranquille.

Nell’epoca del gender fluid è difficile immaginare la Milano che fino alla metà degli anni Ottanta aveva ancora scuole di genere: solo per maschi o solo per femmine. 
Dalla prima media alla quarta ginnasio ho frequentato una scuola di soli maschi, gestita dai gesuiti: il Leone XIII.
Com’era la scuola solo al maschile? 


C’era molto cameratismo. Anche spinto all’estremo. Bollori ed energie in esubero adolescenziale venivano incanalati soprattutto nelle attività sportive e, in generale, in ogni forma di competizione. Ci si sfidava su tutto, la vittoria era vista come segno di predestinazione divina, un po’ come i soldi nell’antica cultura ebraica.
Non solo ci si misurava negli sport che praticavamo ma anche per quelli che si tifavano. La vittoria di uno scudetto della squadra del cuore era motivo di gloria. Tutte cose poi smussate nelle classi miste.

Altro fattore distintivo era l’interesse fantascientifico per l’altro sesso. In una scuola solo maschile, senza internet o i social, l’altro sesso veniva visto dal binocolo. Letteralmente. Il nostro binocolo era rivolto a Piazza Tommaseo dove si schiudeva l’altro mondo dei misteri, dove c’erano le Marcelline, l’equivalente del Leone XIII ma declinato interamente al femminile. Gli unici incontri, fuori dalla scuola o nelle feste, si vivevano come documentari di Quark.

Ultimo fattore distintivo erano gli insegnanti. Il professore di Lettere del Ginnasio ci aveva avvertiti: “Con l’ingresso delle femmine nulla sarà più come prima”. Una differenza erano infatti i discorsi che ci facevano gli insegnanti. Con una classe al solo maschile si potevano affrontare argomenti delicati, sulla sessualità, sui bollori adolescenziali, usando anche espressioni scurrili, da caserma, focalizzati su un pubblico maschile che difficilmente si sarebbero potuti replicare con le ragazze. 



L’anno di grazia è stato l’anno scolastico 1984-85. Non solo perché è stato l’anno in cui la mia anomala squadra del cuore, l’Hellas Verona, ha vinto lo scudetto, innalzandomi alla gloria divina, ma soprattutto perché scuole maschili, come il Leone XIII, o femminili, come Marcelline o Orsoline, hanno aperto a studenti dell’altro sesso. 

A partire da quell’anno iniziarono a formarsi le prime classi miste. Nei ricordi è come se la scuola fosse passata dal bianco e nero al colore. Quei bollori ed entusiasmi che venivano sublimati nello sport e in ogni forma di competizione esplosero in tutta un’altra forma, quella che regna da millenni. 

Le prime, poche ragazze apparse nella prima classe del liceo avevano sostituito lo sport come principale centro di attenzione. E’ stato come passare da spettatori a protagonisti del documentario. Le prime cotte, le attese nelle pause, i primi appuntamenti fuori dalla scuola. Qualcosa che può suonare normale per chi ha sempre vissuto in una scuola mista ma che per noi erano come un viaggio di Jules Verne.
E il cambiamento si è visto anche negli insegnanti. Personaggi ruvidi che si ammorbidivano davanti a un sorriso, qualcuno faceva anche delle cosacce, così si diceva in una nuova forma di intrattenimento: il pettegolezzo. 

Così, tra ricordi di Julius Cesar imparato a memoria, Friends Romans and Countrymen, di figuracce alle interrogazioni o di vittorie gloriose, ha avuto luogo la festa di reunion per i 25 anni della maturità. In certi momenti è sembrato di tornare come allora, in altri si è provato un gusto amaro tipo Compagni di Scuola di Verdone, ma con una fondamentale differenza. Era una reunion in cui le mogli potevano stare tranquille.

Continua la lettura con: Mtv, Milano è in fermento 

ANDREA ZOPPOLATO

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/